visita epatologica

tumore colecisti

Tumori Colecisti

Tumori alle Colecisti: Cosa sono I Tumori della Colecisti? I Tumori della Colecisti sono rari ma possono manifestarsi in diverse forme, con il più comune di essi denominato Carcinoma della Colecisti. Questi tumori iniziano nella parete della Colecisti, un organo a forma di sacco situato sotto il fegato, e possono essere asintomatici in fase iniziale. Come riconoscere il Tumori della Colecisti? I sintomi possono variare e possono includere: Dolore nella parte superiore destra dell’addome Gonfiore addominale Nausea Perdita di peso improvvisa Ittero (ingiallimento della pelle e degli occhi) e Cambiamenti nelle abitudini intestinali. Tuttavia, spesso questi sintomi si manifestano solo in fasi avanzate della malattia, rendendo la diagnosi precoce difficile. La conoscenza dei sintomi e dei fattori di rischio può svolgere un ruolo fondamentale nella diagnosi precoce e nella gestione efficace dei tumori della colecisti. I fattori di rischio associati ai tumori della colecisti includono la presenza di calcoli biliari, obesità, età avanzata, storia familiare di tumori della colecisti e alcune condizioni mediche come la colecistite cronica. La diagnosi dei tumori della colecisti può coinvolgere esami diagnostici come Ecografie, Tomografie computerizzate (TC) o Risonanze Magnetiche (RM), oltre a test del sangue per valutare la funzionalità epatica e la presenza di marcatori tumorali. Trattamento e Prevenzione Il trattamento dei tumori della colecisti dipende dallo stadio della malattia e può includere chirurgia per rimuovere la colecisti (colecistectomia) e, nelle fasi più avanzate, può richiedere chemioterapia o radioterapia per ridurre o controllare la crescita tumorale. La prevenzione dei tumori della colecisti può coinvolgere la gestione dei fattori di rischio, come il mantenimento di un peso corporeo sano, una dieta equilibrata e la gestione di condizioni come i calcoli biliari attraverso una dieta appropriata e il trattamento medico. In conclusione, sebbene i tumori della colecisti siano rari, è essenziale essere consapevoli dei sintomi e dei fattori di rischio associati a questa condizione. Una diagnosi tempestiva e un trattamento appropriato possono migliorare significativamente le prospettive e la qualità della vita per coloro che ne sono affetti. Hai letto l’articolo e vorresti prenotare una Visita Epatologica con i Medici del Centro Medico Unisalus? Prenota la tua visita dal pulsante qui sotto oppure chiamaci al n.0248013784. Puoi anche scrivere a info@unisalus.it oppure contattarci tramite la sezione contatti del nostro sito. Prenota la tua visita

Tumori Colecisti Leggi tutto »

epatite

Epatite: cause, sintomi e trattamento

Cos’è l’epatite? PRENOTA ONLINE oppure Chiamaci 02 4801 3784 SCRIVICI PER INFORMAZIONI Salute In questo Articolo Parliamo di: Se ti stai chiedendo cos’è l’Epatite e quali sono le cause di questa condizione, sei nel posto giusto. Cos’è L’Epatite? Si tratta di una malattia infiammatoria del fegato determinata generalmente dalla presenza di un virus. Esistono differenti tipologie di epatiti: alcune acute, tendenzialmente risolvibili in breve tempo, e altre invece cronico che potrebbero perdurare nel tempo.  Quali sono le cause? Le cause possono variare a seconda del tipo di epatite di cui si tratta. Tuttavia tra le cause più comuni includono: Infezioni virali: I virus dell’epatite sono una delle cause più comuni di epatite. I principali virus che possono causare epatite includono l’epatite A, B, C, D ed E. Questi virus possono essere trasmessi attraverso il contatto con fluidi corporei infetti, come il sangue o il seme, oppure attraverso il consumo di cibo o acqua contaminati.  Consumo eccessivo di alcol: Il consumo cronico e eccessivo di alcol può danneggiare il fegato nel tempo, portando allo sviluppo di epatite alcolica. Questa forma è spesso associata a una storia di abuso di alcol e può causare danni irreversibili al fegato se non trattata tempestivamente. Esposizione a sostanze tossiche: L’esposizione a sostanze tossiche come prodotti chimici industriali, solventi e metalli pesanti può danneggiare il fegato e causare epatite tossica. Questa forma di epatite può verificarsi in seguito a esposizione occupazionale o ingestione accidentale di sostanze nocive. Malattie autoimmuni: Le malattie autoimmuni, come l’epatite autoimmune, sono condizioni in cui il sistema immunitario attacca erroneamente il fegato, causando infiammazione e danni. Le cause esatte delle malattie autoimmuni non sono completamente comprese, ma si ritiene che una combinazione di fattori genetici e ambientali possa contribuire allo sviluppo di queste patologie. Oltre a queste cause principali, esistono anche altri fattori che possono aumentare il rischio di sviluppare questa condizione, come l’uso di farmaci epatotossici, la presenza di altre malattie del fegato e condizioni mediche preesistenti. Come viene diagnosticata Epatite? La diagnosi coinvolge una serie di test e procedure diagnostiche volte a valutare la funzionalità del fegato e identificare le cause sottostanti. Tra gli esami che possono essere eseguiti si riscontrano: Esami del sangue: I test del sangue possono rilevare la presenza di enzimi epatici e marker virali che indicano un’infiammazione o danni al fegato. I principali test del sangue utilizzati per diagnosticare l’epatite includono il dosaggio delle transaminasi (ALT e AST), della bilirubina e dei marker virali specifici. Test di imaging: Gli esami di imaging, come l’ecografia, la tomografia computerizzata (TC) e la risonanza magnetica (RM), possono essere utilizzati per valutare la dimensione e la struttura del fegato e identificare eventuali anomalie o lesioni. Sulla base di quanto emerso dagli esami diagnostici, il Medico specialista in Epatologia potrà indicare al paziente la miglior terapia appropriata alla sua condizione.  Trattamenti dell’epatite Il trattamento dipende dalla causa sottostante e dalla gravità della malattia. Le opzioni di trattamento possono includere: 1. Terapia antivirale: Per le forme virali, come l’epatite B e C, possono essere prescritti farmaci antivirali per ridurre la replicazione virale e prevenire il danneggiamento del fegato. 2. Cessazione dell’uso di alcol: Nel caso dell’epatite alcolica, è essenziale interrompere il consumo di alcol per prevenire ulteriori danni al fegato. Il supporto e il trattamento per l’astinenza dall’alcol possono essere raccomandati. 3. Gestione dei sintomi: I sintomi come affaticamento, nausea e dolore addominale, possono essere gestiti con farmaci sintomatici e modifiche dello stile di vita, come una dieta equilibrata e il riposo adeguato. 4. Trattamenti immunosoppressivi: Per l’epatite autoimmune, possono essere prescritti farmaci immunosoppressivi per sopprimere la risposta immunitaria e ridurre l’infiammazione nel fegato. Hai letto l’articolo e vorresti prenotare una Visita Epatologica con i Medici del Centro Medico Unisalus? Prenota la tua visita dal pulsante qui sotto oppure chiamaci al n.0248013784. Puoi anche scrivere a info@unisalus.it oppure contattarci tramite la sezione contatti del nostro sito. Prenota Visita Epatologica NEWS Salute PRENOTA ONLINE oppure Chiamaci 02 4801 3784 SCRIVICI PER INFORMAZIONI ORARIO CENTRO MEDICO Lunedì – Venerdì dalle 08:00 alle 20:00 Sabato dalle 09:00 alle 16:00

Epatite: cause, sintomi e trattamento Leggi tutto »

× Come possiamo aiutarti?