Che sintomi dà la parodontite?

oppure

Salute

In questo Articolo Parliamo di:

Che sintomi dà la parodontite?

La parodontite è una condizione infiammatoria che colpisce i tessuti che circondano e supportano i denti. Questa malattia può portare a gravi danni ai tessuti molli e ossei intorno ai denti se non trattata adeguatamente. È importante riconoscere i sintomi della parodontite e capire le cause sottostanti per prevenire e gestire efficacemente questa patologia.

Sintomi della parodontite:

La parodontite può manifestarsi con una serie di sintomi che possono variare in gravità da persona a persona. Alcuni dei sintomi più comuni della parodontite includono:

– Gengive infiammate: Le gengive colpite dalla parodontite possono apparire arrossate, gonfie e sensibili al tatto. In alcuni casi, le gengive possono anche sanguinare durante la spazzolatura dei denti o il passaggio del filo interdentale.

– Ritrattamento gengivale: La parodontite può causare il ritiro delle gengive, esponendo le radici dei denti. Questo può rendere i denti sensibili al caldo, al freddo e al cibo dolce.

– Cattivo alito persistente: L’infiammazione e l’infezione associate alla parodontite possono causare alito cattivo che persiste nonostante una buona igiene orale.

– Mobilità dei denti: La parodontite può causare la perdita di supporto osseo intorno ai denti, rendendoli mobili o instabili.

– Pus tra i denti e le gengive: In casi avanzati di parodontite, può accumularsi pus tra i denti e le gengive, causando dolore e disagio.

– Sensazione di dolore ai denti: La parodontite può provocare dolore persistente ai denti, specialmente durante la masticazione o la pressione sui denti.

Perché viene?

La parodontite è causata da un’infiammazione cronica dei tessuti che circondano i denti, generalmente causata da un accumulo di placca batterica e tartaro. Tuttavia, ci sono diversi fattori di rischio e cause sottostanti che possono contribuire allo sviluppo della parodontite, tra cui:

– Cattiva igiene orale: La mancanza di una corretta igiene orale, compreso il mancato spazzolamento dei denti e l’uso insufficiente del filo interdentale, può favorire l’accumulo di placca batterica e tartaro che possono portare alla parodontite.

– Fumo di tabacco: Il fumo di tabacco è uno dei principali fattori di rischio per lo sviluppo della parodontite. Il fumo di tabacco può compromettere il sistema immunitario e ridurre la capacità del corpo di combattere l’infezione, aumentando il rischio di parodontite.

– Stress: Lo stress cronico può influenzare negativamente il sistema immunitario e aumentare l’infiammazione nel corpo, rendendo le persone più suscettibili alla parodontite.

– Predisposizione genetica: Alcune persone possono essere geneticamente predisposte a sviluppare la parodontite a causa di variazioni genetiche che influenzano la risposta del corpo all’infiammazione e all’infezione.

– Malattie sistemiche: Condizioni mediche come il diabete e le malattie cardiovascolari possono aumentare il rischio di parodontite, poiché possono influenzare la salute delle gengive e dei tessuti circostanti.

– Cambiamenti ormonali: Le variazioni ormonali legate alla gravidanza, alla menopausa o al ciclo mestruale possono aumentare il rischio di parodontite nelle donne.

Come si curai?

Il trattamento della parodontite dipende dalla gravità della condizione e può includere una combinazione di trattamenti professionali e cure domiciliari. Alcuni dei trattamenti comuni per la parodontite includono:

– Pulizia professionale: Una pulizia professionale dei denti, nota anche come detartrasi o scalatura, può rimuovere placca batterica e tartaro accumulati sopra e sotto la linea gengivale.

– Raspatura radicolare: Durante la raspatura radicolare, il dentista o l’igienista dentale pulirà le radici dei denti per rimuovere placca e tartaro accumulati.

– Chirurgia parodontale: Nei casi più gravi di parodontite, può essere necessaria la chirurgia parodontale per riparare danni ossei e ridurre la profondità delle tasche gengivali.

– Antibiotici: Gli antibiotici possono essere prescritti per combattere l’infezione e ridurre l’infiammazione associata alla parodontite.

– Igiene orale domiciliare: È importante mantenere una rigorosa igiene orale domiciliare per prevenire la ricomparsa della parodontite. Questo include lo spazzolamento dei denti due volte al giorno, l’uso del filo interdentale e il risciacquo con collutorio antimicrobico.

In conclusione, la parodontite è una condizione infiammatoria che colpisce i tessuti che circondano e supportano i denti. I sintomi della parodontite includono gengive infiammate, ritiro gengivale, cattivo alito, mobilità dei denti, presenza di pus e sensazione di dolore ai denti. La parodontite è causata principalmente dall’accumulo di placca batterica e tartaro, ma può essere influenzata da fattori come fumo di tabacco, stress, predisposizione genetica, malattie sistemiche e cambiamenti ormonali. Il trattamento della parodontite può includere pulizia professionale, raspatura radicolare, chirurgia parodontale, antibiotici e una rigorosa igiene orale domiciliare. Se si sospetta di avere parodontite, è importante consultare un dentista per una valutazione e un trattamento adeguati.

Hai letto l’articolo e vorresti prenotare una Visita Odontoiatrica con i Medici del Centro Medico Unisalus? Prenota la tua visita dal pulsante qui sotto oppure chiamaci al n.0248013784. Puoi anche scrivere a info@unisalus.it oppure contattarci tramite la sezione contatti del nostro sito.

NEWS

ORARIO CENTRO MEDICO

Lunedì – Venerdì dalle 08:00 alle 20:00 Sabato dalle 09:00 alle 16:00

× Come possiamo aiutarti?