Aggiornamento Tabella delle Malattie Professionali

Il 18 Novembre 2023, la Gazzetta Ufficiale ha pubblicato un Decreto Ministeriale (Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali in collaborazione con il Ministero della Salute) datato 10 ottobre 2023 con Aggiornamento delle Tabelle delle Malattie Professionali, non modificate dal 2008.

Quali sono gli Aggiornamenti apportati alla Tabella riguardante le Malattie ?

Gli Aggiornamenti entrati in vigore tramite il Decreto Ministeriale sono le seguenti:

  • L’Anchilostomiasi non è più considerata una Malattia Professionale; L’INAIL ora considera le malattie infettive come infortuni;
  • La definizione di “Altre malattie causate dall’esposizione…” è stata eliminata, tabellando solo le malattie chiaramente definite, escludendo quelle con descrizioni aperte. Questo ha generato dibattiti: alcuni vedono questa modifica come un calo nella protezione dei lavoratori, mentre altri la ritengono una precisazione necessaria, considerando la difficoltà oggettiva nel dimostrare che una Malattia “Altro” fosse effettivamente legata all’esposizione ad un agente specifico. Tuttavia ai lavoratori resta sempre la possibilità di segnalare malattie professionali non elencate, sebbene con l’onere della prova a loro carico;
  • Il termine “Cronica” è stato aggiunto dopo ogni Malattia chiaramente definita;
  • Non è stato effettuato un’Aggiornamento della codifica ICD10 alle versioni più recenti, il che potrebbe generare confusione riguardo ad alcuni codici non più riconosciuti a livello internazionale;
  • Molte voci della Tabella Malattie Professionali sono state modificate con l’aggiunta di pochi dettagli specifici e la rimozione di altre voci. Tuttavia, considerando l’effettiva incidenza di queste malattie, sembrano modifiche di scarso impatto.

Aggiornamento dettagliato della Tabella delle Malattie Professionali

Si invita a leggere un articolo dettagliato pubblicato su Puntosicuro con i commenti del Prof. Adriano Ossicini sui Aggiornamenti della Tabella delle Malattie Professionali.

Inoltre, desideriamo condividere una nota aggiuntiva attraverso il dott. G. M. Boschiroli, membro del Consiglio Direttivo ANMA:

  • Le novità introdotte, a un primo esame, sembrano avere un impatto limitato sull’attività dei Medici d’Azienda, soprattutto considerando la scarsa frequenza delle Malattie considerate;
  • Le Malattie causate da Ossido di Carbonio, Cloruro di Carbonite o Fosgene, Idrogeno Solforato e compositi Organici del Fosforo non sono più considerate come specifiche nella tabella, ad eccezione della ” lavorazione con composti organici del fosforo” che rimane rilevante solo per la Dermatite Allergica da contatto. Anche la Stannosi e l’Encefalopatia da stagno non sono più elencate, ad eccezione della Dermatite Irritativa da contatto. Analogamente, la Fibrosi Polmonare e la Nefropatia Tossica da Dipiridile sono state rimosse, mantenendo solo la Dermatite Irritativa da contatto come riferimento; L’Anchilostomiasi non è più considerata, trattandosi di un’infezione parassitaria che ora viene classificate come infortunio sul lavoro.
  • Al contrario, sono state inserite nella Tabella Malattie Professionali le Malattie causate dal Tallio, limitatamente alla Polineuropatia Periferica e all’Alopecia, anche nel contesto agricolo.
  • Le voci riguardanti ” altre Malattie causate da …” sono state eliminate e alcuni periodi di massima indennizzabilità sono stati modificati;
  • Per le Patologie da sovraccarico Biomedico, la definizione della lavorazione nociva è stata adattata, passando dal concetto di ‘Non Occasionale’ a ‘Abituale e Sistematico’. Per l’Arto Superiore  , oltre alla ripetitività del movimento, è stata introdotta la considerazione dell’uso di forza; 
  • Anche per le Ipoacusie e le Malattie da Radiazioni UV, il termine ‘ non occasionale’ è stato sostituito con ‘ abituale e sistematico’;
  • Nel campo delle Neoplasie, sono state aggiunte nuove considerazioni come:

— il Carcinoma Polmonare da I.P.A. per la lavorazione in fonderia del ferro e dell’acciaio

— l’Epatocarcinoma per l’esposizione al Cloruro di vinile

— Il tumore alla laringe e all’ovaio nelle malattie da asbesto

— Il carcinoma del Rinofaringe per i tumori da polveri di legno.  

  • Le Radiazioni ionizzanti hanno visto l’aggiunti di tumori come:

— Tiroide

— Polmone

— Mammella

— Stomaco

— Colon

— Carcinoma Basocellulare

— Leucemie ( esclusa Linfatica Cronica )

— Tumore maligno del Polmone per le  lavorazioni esposte all’azione del radon nei ambienti sotterranei.

  • Non si è proceduto all’aggiornamento dei codici ICD10, generando una certa confusione proveniente da precedenti mancanze di aggiornamento.

Hai letto l’articolo e vorresti avere più informazioni dal Centro Medico Unisalus? Clicca sul pulsante qui sotto oppure chiamaci al n.0248013784. Puoi anche scrivere a info@unisalus.it oppure contattarci direttamente tramite la sezione contatti del nostro sito.