82019Apr
Visita genetica oncologica

Visita genetica oncologica

Durante la consulenza genetica viene raccolta la storia oncologica personale e familiare della paziente.

Se dalle informazioni fornite e dalla visione della documentazione clinica emerge un rischio aumentato di predisposizione genetica allo sviluppo del tumore della mammella e dell’ovaio (famiglie con più soggetti affetti da tumore mammario o da tumore ovarico, soprattutto tra i familiari di I grado, diagnosi di tumore mammario prima dei 36 anni, tumore della mammella maschile, tumore mammario bilaterale prima dei 50 anni, diagnosi di tumore ovarico tipo sieroso ad alto grado), si discute con la paziente la possibilità di eseguire un prelievo di sangue periferico per l’analisi dei geni BRCA1 BRCA2.

I risultati verranno illustrati alla paziente durante un secondo colloquio, nel corso del quale si valuteranno insieme e si discuteranno approfonditamente le implicazioni prognostiche dell’esito del test e le misure preventive attuabili. Verrà quindi pianificato un percorso personalizzato di sorveglianza e prevenzione, oltre che di supporto psicologico.

Condividi: