Tumori Epatici

Indice dei contenuti

Oggi parliamo di tumori epatici. Questi tumori in Italia colpiscono ogni anno circa 8.900 uomini e 4000 donne.

Il fegato

Questo è il più grande organo interno.

Le sue funzioni sono:

  • scomporre e immagazzinare i nutrienti assorbiti dall’intestino
  • creare fattori di coagulazione per proteggere dal sanguinamento eccessivo quando ci si taglia
  • scomporre alcol, droghe e rifiuti tossici nel sangue

I tumori del fegato, chiamati anche tumori epatici, sono escrescenze che si creano sopra o dentro questo organo. Possono essere benigni o maligni.

I tumori benigni, ovvero non cancerosi, a volte crescono abbastanza da causare comunque problemi di salute.

I tumori epatici maligni, invece, che crescono nei tessuti vicini o si diffondono ad altre parti del corpo, sono il cancro del fegato. Ci sono molti tipi di cancro e tumore al fegato.

Vediamo quindi i sintomi, i trattamenti e la prevenzione.

Cos’è un tumore

I tumori sono masse anomale di tessuto che si formano quando le cellule iniziano a riprodursi a una velocità maggiore.

Nel fegato possono svilupparsi tumori sia non cancerosi, benigni, che cancerosi, maligni.

Sintomi

Adesso cerchiamo di capire quali sono i sintomi iniziali del tumore epatico.

La maggior parte delle persone non ne presenta nelle prime fasi del tumore primario fegato.

Quando compaiono segni, questi possono includere:

  • perdere peso
  • inappetenza
  • dolore addominale superiore
  • nausea e vomito
  • debolezza generale e affaticamento
  • gonfiore addominale
  • ittero alla pelle e agli occhi
  • feci bianche e gessose

Cause del tumore al fegato

Il cancro del fegato si verifica quando le cellule del fegato sviluppano mutazioni nel loro DNA.

tumori epatici cellule cancerose

Il DNA di una cellula è il materiale che fornisce istruzioni per ogni processo chimico dell’organismo.

Le mutazioni del DNA causano cambiamenti in queste istruzioni.

Come conseguenza, si ha la crescita incontrollata delle cellule che infine arrivano a formare un tumore, una massa di cellule cancerose.

A volte la causa dei tumori al fegato è nota, come nelle infezioni da epatite cronica. Ma a volte il cancro al fegato si verifica in persone senza malattie di base e non è chiaro cosa lo causi.

Tumori epatici benigni

I tumori benigni sono abbastanza frequenti e di solito non hanno particolari sintomi.

Spesso non si ha la diagnosi finché non viene eseguita un’ecografia, una tomografia computerizzata o una risonanza magnetica.

Esistono diversi tipi di tumori epatici benigni, questi includono:

  • adenoma epatocellulare. Un tumore non canceroso che inizia nei tessuti come la pelle o le ghiandole
  • emangioma. Escrescenze non cancerose che si formano a causa di una raccolta anormale di vasi sanguigni
  • cisti tumorali epatiche. Sono sacche piene di liquido che di solito non mostrano sintomi e non richiedono alcun trattamento a meno che non si ingrandiscano e causino disagio
  • noduli focali. Tumori benigni che si verificano principalmente nelle donne di età compresa tra 20 e 30 anni

Tumori epatici maligni

Tra i tumori epatici maligni annoveriamo:

  • Carcinoma epatocellulare (HCC). Un tipo di cancro che si verifica più spesso negli uomini e di solito viene diagnosticato in persone di età pari o superiore a 50 anni
  • Colangiocarcinoma. Un tumore raro che colpisce i dotti biliari
  • Carcinoma della cistifellea: un tumore raro che inizia nella cistifellea
  • Epatoblastoma. Uno dei tumori epatici bambini, infatti si verifica principalmente nei piccoli di età inferiore ai cinque anni, sebbene sia stato diagnosticato nei bambini più grandi e negli adulti

Fattori di rischio

Esistono alcuni fattori che aumentano il rischio di tumore del fegato, questi sono:

cirrosi

Prevenzione

Per prevenire questo tipo di tumore ci sono alcuni consigli, che riguardano soprattutto lo stile di vita da seguire.

Innanzitutto ridurre il consumo di alcol e mantenere il peso forma.

Infatti, seguire questi consigli riduce il rischio di cirrosi e di conseguenza il rischio di sviluppare un tumore epatico.

Altro fattore di prevenzione è il vaccino contro l’epatite B. Questo vaccino si può somministrare alla quasi totalità delle persone.

Prevenire l’epatite C

Per questa tipologia di epatite non esiste un vaccino ma si può ridurre il rischio di infezione prestando attenzione a:

  • stato di salute di qualsiasi partner sessuale
  • non usare droghe per via endovenosa
  • cercare negozi scuri e puliti per piercing e tatuaggi

Tumore al fegato Diagnosi

La diagnosi di cancro avviene con i seguenti strumenti:

  • analisi del sangue. Gli esami del sangue possono rivelare anomalie della funzionalità epatica
  • prove di imaging. Il medico può raccomandare test di imaging, (come ecografia, TC e risonanza magnetica)
  • asportazione di un campione di tessuto epatico per il test. In alcuni casi è necessario rimuovere un pezzo di tessuto epatico per i test in modo tale da avere una diagnosi definitiva di cancro al fegato

Durante una biopsia epatica, il medico inserisce un ago sottile attraverso la pelle fino all’organo per ottenere un campione di tessuto.

In laboratorio, i medici esaminano il tessuto al microscopio per cercare le cellule tumorali.

La biopsia ha delle controindicazioni che sono: rischio di sanguinamento, lividi e infezioni.

Trattamento

Il trattamento per i tumori dipende dall’estensione della malattia, dall’età, dalla salute generale e dalle preferenze personali.

In generale esistono questi modi per intervenire:

  • chirurgia. La chirurgia che si impiega per sconfiggere il cancro al fegato include rimozione del tumore e trapianto dell’organo
  • trattamento localizzato. Ovvero viene somministrato direttamente alle cellule tumorali un trattamento specifico. Questi possono essere svariati e includono l’ablazione a radiofrequenza per tumori epatici, la crioablazione, la chemioembolizzazione
  • radioterapia. Si utilizza energia ad alta potenza, come quella dei raggi X per distruggere le cellule tumorali
  • terapia farmacologica mirata. Questi si concentrano su anomalie specifiche presenti all’interno delle cellule tumorali
  • chemioterapia. Si utilizzano farmaci per uccidere le cellule in rapida crescita

chemioterapia tumori epatici

Tumore del fegato Sopravvivenza

In Italia ad oggi la sopravvivenza con diagnosi di tumori al fegato è di circa 5 anni.

Purtroppo solo una percentuale molto bassa di pazienti sopravvive.

Questo perché i sintomi epatocarcinoma si avvertono ormai in una fase avanzata della malattia e la diagnosi arriva quando l’organo è già gravemente danneggiato.

Dettaglio Autore
Medico Gastroenterologo

La Dottoressa Federica Invernizzi è Medico Gastroenterologo a Milano. Effettua visite specialistiche presso il Centro Medico Unisalus ,insieme con gli esami ecografici delle anse intestinali. È iscritta all’albo dei Medici di Lecce al numero 1757.

×
Medico Gastroenterologo

La Dottoressa Federica Invernizzi è Medico Gastroenterologo a Milano. Effettua visite specialistiche presso il Centro Medico Unisalus ,insieme con gli esami ecografici delle anse intestinali. È iscritta all’albo dei Medici di Lecce al numero 1757.

Questa lettura è stata utile? Condividila!
WhatsApp
Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
Iscriviti alla Newsletter

Tieniti informato su prevenzione, analisi e cura. Ricevi tutti gli aggiornamenti di Centro Medico Unisalus via mail.

Torna su