Tumori colecisti

Icona
Indice dei contenuti
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

I tumori colecisti, conosciuti anche come tumori alla cistifellea, iniziano nelle ghiandole della mucosa della cistifellea, nello strato più interno della parete, fino a provocare inspessimento.

La cistifellea o colecisti è un piccolo organo grande qualche centimetro, a forma di pera ed è situato alla destra dell’addome al di sotto del fegato.
La sua funzione è quella di immagazzinare la bile, fluido digestivo prodotto dal fegato e quando è necessario (ad esempio, durante i pasti), si contrae spingendo la bile nell’intestino tenue.

I tumori colecisti sono molti rari e è molto pericolosi per la vita.
Se il cancro alla cistifellea viene scoperto nelle prime fasi le possibilità di cura sono buone, ma nella maggior parte dei casi se ne viene a conoscenza quando è già in fase avanzata e le possibilità di sopravvivenza sono scarse.

Inoltre, il tumore alla colecisti è difficile da diagnosticare perché spesso non provoca sintomi specifici

Inoltre, la posizione nascosta della cistifellea agevola la crescita del tumore della cistifellea senza che venga rilevato.

Quali sono i sintomi del cancro alla cistifellea?

I segni e i sintomi dei tumori colecisti possono includere:

  • dolore addominale, specialmente nella parte in alto a destra dell’addome
  • gonfiore addominale
  • febbre
  • perdere peso senza provare nausea
  • ingiallimento della pelle
  • occhi bianchi

Quando è consigliabile consultare un dottore specialista?

È consigliabile consultare un medico specialista se si riscontrano segni o sintomi che preoccupano.

Quali sono le cause del tumore alla cistifellea?

Non è chiaro cosa causi i tumori colecisti, ma i medici sanno che si forma quando le cellule sane della cistifellea sviluppano mutazioni nel loro DNA.
Tali mutazioni fanno sì che le cellule crescano senza controllo e continuino a vivere quando altre cellule normalmente muoiono.

Le cellule che si accumulano formano un tumore che può crescere oltre la cistifellea e diffondersi in altre aree del corpo.

La maggior parte dei tumori colecisti inizia nelle cellule ghiandolari che rivestono la superficie interna della cistifellea.

Il carcinoma della cistifellea che inizia in questo tipo di cellula si chiama adenocarcinoma, modo in cui appaiono le cellule tumorali quando vengono esaminate al microscopio.

Fattori di rischio

Ci sono fattori di rischio che aumentano le probabilità dei tumori colecisti e la maggior parte di questi fattori è correlata all’infiammazione della cistifellea a lungo termine.

Avere questi fattori di rischio non vuol dire che si avrà il cancro ma che l’incidenza nel riscontrare un tumore alla cistifellea sono più alte.

Alcuni altri fattori associati al rischio di tumore alla cistifellea sono:

  • Cistifellea a porcellana. Questo avviene quando la cistifellea sembra di colore bianco, come la porcellana, perché le sue pareti sono calcificate. Tale condizione può verificarsi dopo la colecistite cronica ed è associata all’infiammazione.
  • Polipi della cistifellea. Solo il 5% circa di queste piccole escrescenze nella cistifellea sono cancerose.
  • Sesso. Le donne si ammalano di cancro alla cistifellea fino a quattro volte più rispetto alle donne.
  • Età. Il tumore della cistifellea colpisce tipicamente le persone con più di 65 anni. In media, le persone ne hanno 72 quando scoprono di averlo.
  • Problemi del dotto biliare. Le condizioni nei dotti biliari che bloccano il flusso della bile possono farla risalire nella cistifellea. Questa condizione provoca infiammazione, che aumenta il rischio di cancro alla cistifellea.
  • Colangite sclerosante primitiva. Le cicatrici che si formano a causa dell’infiammazione dei dotti biliari aumentano il rischio di cancro del dotto biliare e della cistifellea.
  • Tifo. I batteri della Salmonella causano il tifo. Le persone che hanno ’infezioni croniche a lungo termine con o senza sintomi hanno un rischio maggiore di tumore alla cistifellea.
  • Membri della famiglia con cancro alla cistifellea. Il rischio aumenta leggermente se c’è una storia familiare di tumori colecisti.

Calcoli biliari

I calcoli biliari sono piccole parti di materiale indurito che si formano nella cistifellea quando la bile contiene troppo colesterolo o bilirubina.
Quest’ultimo è un pigmento che si forma quando i globuli rossi si rompono.

Quando i calcoli biliari bloccano il passaggio, chiamato dotti biliari, fuori dalla cistifellea o nel fegato, la cistifellea si infiamma.

Questa condizione è chiamata colecistite e può essere un problema acuto o cronico a lungo termine.

Ma è importante ricordare che i calcoli biliari sono estremamente comuni e averli non significa che ti verrà il cancro.

Patologie della colecisti e vie biliari

Il flusso biliare può essere ostruito da una serie di eventi come:

  • calcoli biliari che escono dalla colecisti finendo nei dotti biliari.
  • un intervento chirurgico che ha danneggiato i dotti biliari
  • infezioni come AIDS e colangite sclerosante primitiva, che restringono i dotti biliari.
  • patologie del pancreas
  • parassiti

Tali condizioni possono causare sia tumori alla cistifellea che tumori delle vie biliari.

Come si effettua la diagnosi del cancro alla cistifellea?

I test e le procedure utilizzate per diagnosticare i tumori colecisti includono:

  • Analisi del sangue. Gli esami del sangue per valutare la funzionalità epatica possono aiutare il medico a determinare la causa di segni e sintomi.
  • Procedure per diagnostica della cistifellea. Gli esami di diagnostica che possono creare immagini della cistifellea comprendono ultrasuoni, tomografia computerizzata (CT) e risonanza magnetica (RM).

Determinare l’estensione del cancro alla cistifellea

Una volta che il medico ha diagnosticato il cancro alla cistifellea, lavora per trovare lo stadio del tumore.
Lo stadio del tumore alla cistifellea aiuta a determinare la prognosi e le opzioni di trattamento.

I test e le procedure utilizzate per mettere in scena il cancro alla cistifellea includono:

  • Chirurgia esplorativa. Il medico può raccomandare un intervento in laparoscopia per esaminare all’interno dell’addome i segni della diffusione del tumore alla cistifellea.
    Il chirurgo esegue una piccola incisione nell’addome e inserisce una minuscola videocamera che consente di esaminare gli organi che circondano la cistifellea per rilevare eventuali segni di diffusione del cancro.
  • Test per esaminare i dotti biliari. Il medico può raccomandare un’iniezione di un colorante nei dotti biliari, successivamente seguito da un test di imaging che registra dove va il colorante. Questi test possono mostrare eventuali blocchi nei dotti biliari.
  • Esami di diagnostica aggiuntivi. La maggior parte delle persone con carcinoma della cistifellea subirà una serie di scansioni per determinare se il tumore si è diffuso o rimane localizzato.

Quali sono gli stadi del tumore alla cistifellea?

Gli stadi dei tumori colecisti sono:

  • Stadio I. In questa fase, il cancro alla cistifellea è limitato all’interno della cistifellea.
  • Stadio II. Questo stadio il tumore alla cistifellea è cresciuto e invade lo strato esterno della cistifellea.
  • Stadio III. In questa fase, il cancro alla cistifellea è cresciuto fino a invadere uno o più organi vicini, come fegato, intestino tenue o stomaco. Il cancro alla cistifellea può compromettere i linfonodi vicini.
  • Stadio IV. L’ultima fase del carcinoma della cistifellea comprende tumori di grandi dimensioni che coinvolgono più organi vicini e tumori di qualsiasi dimensione che si sono diffusi in aree distanti del corpo.

Quali trattamenti per la cura del cancro alla cistifellea?

L’obiettivo iniziale del trattamento è rimuovere i tumori colecisti, ma quando ciò non è possibile, altre terapie possono aiutare a controllare la diffusione della malattia e mantenerti il più a tuo agio possibile.

Chirurgia per carcinoma della cistifellea in stadio precoce

La chirurgia può essere un’opzione se si ha un tumore alla cistifellea in fase iniziale.
Le opzioni includono:

  • Chirurgia per rimuovere la cistifellea. Il tumore della cistifellea precoce che è limitato solo all’organo della colecisti viene trattato con un’operazione per rimuovere la cistifellea, chiamato colecistectomia.
  • Intervento chirurgico per rimuovere la cistifellea e una porzione del fegato. Nel caso il tumore alla cistifellea si estende oltre la cistifellea e nel fegato viene talvolta trattato con un intervento chirurgico per rimuovere la cistifellea, nonché parti del fegato e dei dotti biliari che circondano la cistifellea.

Non è chiaro se ulteriori trattamenti dopo un intervento chirurgico riuscito possano diminuire l’incidenza del tumore.

il medico può raccomandare cicli di chemioterapia e radioterapia o una combinazione di entrambi dopo l’intervento chirurgico.

Trattamenti per il carcinoma della cistifellea in fase avanzata

La chirurgia non può curare il cancro alla cistifellea che si è diffuso ad altre zone del corpo. Invece, i medici usano trattamenti che possono alleviare segni e sintomi del tumore.
Le opzioni possono includere:

  • Chemioterapia. La chemioterapia è un trattamento farmacologico che utilizza sostanze chimiche per uccidere le cellule tumorali.
  • Radioterapia. Le radiazioni usano fasci di energia ad alta potenza, come raggi X e protoni, per uccidere le cellule tumorali.
  • Test clinici. Gli studi clinici sono studi che testano farmaci
  • Terapia del dolore. Sono trattamenti pensati per ridurre la soglia di dolore che può aiutare anche nel tumore alla cistifellea
Dettaglio Autore
Medico Gastroenterologo

La Dottoressa Federica Invernizzi è Medico Gastroenterologo a Milano. Effettua visite specialistiche presso il Centro Medico Unisalus ,insieme con gli esami ecografici delle anse intestinali. È iscritta all’albo dei Medici di Lecce al numero 1757.

×
Medico Gastroenterologo

La Dottoressa Federica Invernizzi è Medico Gastroenterologo a Milano. Effettua visite specialistiche presso il Centro Medico Unisalus ,insieme con gli esami ecografici delle anse intestinali. È iscritta all’albo dei Medici di Lecce al numero 1757.

Questa lettura è stata utile? Condividila!
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Iscriviti alla Newsletter

Tieniti informato su prevenzione, analisi e cura. Ricevi tutti gli aggiornamenti di Centro Medico Unisalus via mail.

Torna su