Sindrome del tunnel carpale

Icona
Indice dei contenuti

In questo articolo vi parliamo della Sindrome del tunnel carpale. Di cosa si tratta esattamente?

La sindrome tunnel carpale è una condizione che provoca un intorpidimento, formicolio e dolore alla mano e nel braccio.

Più avanti andremo a vedere da cosa è causata nello specifico.

Possiamo intanto dirvi che genericamente, il problema deriva da un nervo compresso nel tunnel carpale.

Ma che cos’è il tunnel carpale? Si tratta di uno stretto passaggio sul lato del palmo del polso.

L’anatomia del polso, i problemi di salute e i possibili movimenti ripetitivi della mano possono contribuire a questa sindrome.

Un trattamento adeguato di solito allevia il formicolio alla mano sinistra o formicolio mano destra e risolve l’intorpidimento. Ripristinando la funzione del polso, del braccio e della mano.

Abbiamo parlato di formicolio alla mano destra e sinistra perché la sdr tunnel carpale può colpire entrambe le mani.

Sia singolarmente (o la destra o la sinistra), che contemporaneamente. In questo ultimo caso parliamo di sindrome tunnel carpale bilaterale.

Quali sono i sintomi della sindrome del tunnel carpale?

dita tunnel carpal

Quali sono i sintomi del tunnel carpale? I sintomi del tunnel carpale di solito iniziano gradualmente.

I più noti includono, come visto poco fa, intorpidimento alle mani, dolore alla mano destra o dolore alla mano sinistra.

Ma anche formicolio al pollice, all’indice e al medio che vanno e vengono.

La sindrome del tunnel carpale non si limita alle sole mani in modo generico. Può anche causare disagio al polso e al palmo della mano.

Tunnel carpale sintomatologia specifica:

  1. Formicolio o intorpidimento. Si può percepire formicolio e intorpidimento delle dita o della mano. Di solito sono interessati il ​​pollice e l’indice, il medio o l’anulare, ma non il mignolo. A volte c’è una sensazione come una scossa elettrica in queste dita. La sensazione può spostarsi dal polso al braccio. Questi sintomi si verificano spesso mentre si tiene un volante, un telefono o un giornale. La sensazione può svegliarti dal sonno. Molte persone “stringono” le mani per cercare di alleviare i loro sintomi. La sensazione di intorpidimento può diventare costante nel tempo.
  2. Debolezza. Si può percepire fragilità nella mano e tendenza a far cadere oggetti. Ciò può essere dovuto all’intorpidimento della mano o alla debolezza dei muscoli pizzicanti del pollice, che sono anche controllati dal nervo mediano.
  3. Dolori tunnel carpale. Anche il dolore è una componente molto presente nella sdr del tunnel carpale (anche nota con l’acronimo di STC).

Quando andare dallo specialista?

Risulterà opportuno consultare il medico se si hanno segni e sintomi persistenti riferibili al tunnel carpale. Come quelli che abbiamo visto poc’anzi.

Soprattutto se interferiscono con le normali attività e con il ritmo di sonno.

Tra i vari disturbi dovuti a questa patologia, il dolore al tunnel carpale, potrebbe portare il paziente ad avere difficoltà a dormire la notte.

Dei danni permanenti ai nervi e ai muscoli possono verificarsi se non viene eseguito nessun trattamento.

Cause del tunnel carpale

Quali sono le cause della sindrome del tunnel carpale?

La sindrome del tunnel carpale è causata dalla pressione sul nervo mediano.

Che cos’è il nervo mediano? Si tratta di un nervo che scorre dall’avambraccio attraverso un passaggio nel polso (tunnel carpal) fino alla mano.

Questo nervo fornisce sensazioni sul palmo del pollice e delle dita, tranne il mignolo.

Fornisce anche segnali nervosi per spostare i muscoli attorno alla base del pollice (la cosiddetta funzione motoria).

Tutto ciò che comprime o irrita il nervo mediano nello spazio del tunnel carpale e può portare appunto alla sindrome correlata.

Una frattura del polso può restringere il tunnel carpale e irritare il nervo, così come il gonfiore e l’infiammazione derivanti dall’artrite reumatoide (infiammazione del tunnel carpale).

Non esiste una causa unica in molti casi.

È possibile che una combinazione di cause e di altri fattori di rischio contribuisca allo sviluppo della condizione.

Tunnel Carpale: la diagnosi

test tunnel carpale

Diagnosi tunnel carpale: come si effettua?

Il medico può farti domande e condurre uno o più dei seguenti test per determinare se hai appunto la sindrome del tunnel carpale:

  1. Storia dei sintomi.
    Il medico esaminerà il modello dei sintomi. Ad esempio, poiché il nervo mediano non fornisce sensazioni al mignolo, i sintomi in quel dito possono indicare un problema diverso dalla sindrome del tunnel carpale.
  2. Esame per tunnel carpale (esame fisico).
    Il medico effettuerà un esame fisico per valutare se c’è la possibilità che il paziente soffra di tunnel carpale alla mano. Il Dottore testerà la sensazione che provi nelle dita a fronte di determinati stimoli e verificherà la forza dei muscoli nella tua mano.
  3. Tunnel carpale test con Raggi X.
    Alcuni medici raccomandano una radiografia del polso interessato per escludere altre cause di dolore al polso, come l’artrite o una frattura.
  4. Test tunnel carpale: l’elettromiografia.
    Questo test per tunnel carpale misura le minuscole scariche elettriche prodotte dai muscoli. Durante l’esame, il medico inserisce un elettrodo ad ago sottile in muscoli specifici per valutare l’attività elettrica quando i muscoli si contraggono e riposano. Questo test per il tunnel carpale, può identificare il danno muscolare, ma anche escludere o includere altre condizioni differenti.

Fattori di rischio

Numerosi fattori sono stati associati alla sdr del tunnel carpale. Sebbene non possano causare direttamente la sindrome, possono comunque aumentare le possibilità di sviluppare o aggravare il danno del nervo mediano.

  1. Fattori anatomici.
    Una frattura o lussazione del polso, o l’artrite che deforma le piccole ossa del polso, può alterare lo spazio all’interno del tunnel carpale e esercitare pressione sul nervo mediano.
  2. Sesso.
    La sindrome del tunnel carpale è generalmente più comune nelle donne. Ciò può essere dovuto al fatto che l’area del tunnel carpale è relativamente più piccola nelle donne che negli uomini.
  3. Le donne che hanno soffrono di questa sindrome possono anche avere tunnel carpali più piccoli rispetto alle donne che non hanno questa condizione.
  4. Condizioni dannose per i nervi.
    Alcune malattie croniche, come il diabete, aumentano il rischio di danni ai nervi, incluso il danno al nervo mediano.
  5. Condizioni infiammatorie.
    Le malattie caratterizzate da infiammazione, come l’artrite reumatoide, possono influenzare il rivestimento attorno ai tendini del polso e esercitare pressione sul nervo mediano.
  6. Obesità.
    Essere obesi è un fattore di rischio significativo per la sindrome del tunnel carpale.
  7. Alterazioni nell’equilibrio dei fluidi corporei.
    La ritenzione idrica può aumentare la pressione all’interno del tunnel carpale, irritando il nervo mediano. Questo è comune durante la gravidanza e la menopausa. La sindrome associata alla gravidanza generalmente si risolve da sola dopo la gravidanza.
  8. Altre condizioni mediche.
    Alcune condizioni, come la menopausa, i disturbi della tiroide e l’insufficienza renale, possono aumentare i fattori di rischio.
  9. Fattori connessi al tipo di lavoro.
    Ad esempio, lavorare con strumenti vibranti o su una catena di montaggio che richieda una flessione prolungata o ripetitiva del polso possa creare una pressione dannosa sul nervo mediano o peggiorare i danni ai nervi esistenti.

Tunnel carpale e uso del computer

tunnel carpale

Diversi studi hanno valutato se esiste un’associazione tra l’uso del computer e la sindrome del tunnel carpale. Tuttavia, non vi sono state prove sufficienti di qualità e coerenza per supportare l’uso estensivo del computer come fattore di rischio per il nervo mediale tunnel carpale, sebbene possa causare una diversa forma di dolore alla mano.

Prevenzione del tunnel carpale

Non esistono strategie comprovate per prevenire i disturbi del tunnel carpale, ma è possibile ridurre al minimo lo stress delle mani e dei polsi con questi metodi:

  1. Ridurre la forza e rilassa la presa.
    Se il tuo lavoro prevede un registratore di cassa o una tastiera, ad esempio, premi delicatamente i tasti. Per una calligrafia prolungata, utilizzare una penna grande con un adattatore oversize, impugnatura morbida e inchiostro a flusso libero.
  2. Fare delle frequenti pause.
    Allungare e piegare delicatamente mani e polsi periodicamente. Svolgere dei compiti alternativi quando possibile. Ciò è particolarmente importante se si utilizzano apparecchiature che vibrano o che richiedono di esercitare una grande forza con il tunnel metacarpale della mano.
  3. Migliorare la postura.
    La postura errata ruota le spalle in avanti, accorciando i muscoli del collo e delle spalle. Comprimendo così i nervi del collo. Ciò può influire su polsi, dita e mani e quindi sul tunnel carpale.

Come trattare la Sdr del tunnel carpale?

Tunnel carpale sindrome: quali sono i trattamenti?

Abbiamo diverse opzioni per curare la problematica, fino anche ad arrivare a veri e propri interventi tunnel carpale.

Terapia non chirurgica

Se la condizione viene diagnosticata precocemente, i metodi non chirurgici possono aiutare a migliorare la sindrome del tunnel carpale. Vediamone alcuni.

Stecche al polso

tunnel carpale splint

Una stecca che tiene fermo il polso mentre dormi può aiutare ad alleviare i sintomi notturni di formicolio e intorpidimento. Lo splint notturno può essere una buona opzione in caso di gravidanza.

Farmaci antinfiammatori non steroidei (FANS)

I FANS, ossia i farmaci antinfiammatori non steroidei possono aiutare ad alleviare il dolore dalla sindrome del tunnel carpale a breve termine.

Non ci sono prove, tuttavia, che questi farmaci migliorino la sindrome del tunnel carpale.

Corticosteroidi

Il medico può iniettare nel tunnel carpale un corticosteroide come il cortisone per alleviare il dolore. A volte il medico usa un’ecografia per guidare queste iniezioni.

I corticosteroidi riducono l’infiammazione e il gonfiore, che allevia la pressione sul nervo mediano. I corticosteroidi orali non sono considerati efficaci quanto le iniezioni di corticosteroidi per il trattamento della sindrome del tunnel carpale.

Se la sindrome del tunnel carpale è causata dall’artrite reumatoide o da un’altra artrite infiammatoria, il trattamento dell’artrite può ridurre i sintomi della sindrome del tunnel carpale. Tuttavia, questo non è dimostrato.

Terapia Chirurgica

Tunnel carpale intervento chirurgico. Come abbiamo detto poco prima, è possibile che in alcuni casi bisognerà ricorrere all’intervento come ultima soluzione.

Infatti la chirurgia può essere appropriata se i sintomi sono gravi o non rispondono ad altri trattamenti.

L’obiettivo della chirurgia del tunnel carpale è quello di alleviare la pressione tagliando il legamento che sta premendo sul nervo mediano provocando dolore e molte volte anche inabilità al movimento.

Ci sono diverse tecniche di terapia chirurgica.

Chirurgia endoscopica

Intervento tunnel carpale con chirurgia endoscopica: come si fa?

Il chirurgo utilizza un dispositivo simile a un telescopio con una minuscola videocamera collegata (detta endoscopio).

Per vedere all’interno del tunnel carpale.

Successivamente il chirurgo taglia il legamento attraverso una o due piccole incisioni nella mano o nel polso.

La chirurgia endoscopica può causare meno dolore rispetto alla chirurgia a cielo aperto (che vedremo tra poco).

Soprattutto nei primi giorni o settimane dopo l’intervento.

Chirurgia “a cielo aperto”

Intervento tunnel carpale con chirurgia a cielo aperto: le differenze.

In questo caso, invece, il chirurgo esegue un’incisione nel palmo della mano all’altezza del tunnel carpale e taglia il legamento per liberare il nervo.

Parlando di operazione al tunnel carpale, è sempre meglio che, in prima battuta, il paziente parli di rischi e di benefici di ogni tecnica con il chirurgo. Ovviamente prima di prendere in considerazione l’intervento al tunnel carpale.

I rischi chirurgici possono includere:

  • Rilascio incompleto del legamento
  • Infezioni della ferita
  • Formazione di cicatrici
  • Lesioni nervose o vascolari

Cosa fare post intervento?

Per concludere ricordiamo che durante il processo di guarigione post intervento chirurgico, i tessuti del legamento ricrescono gradualmente insieme, lasciando più spazio al nervo.

Questo processo di guarigione interna richiede in genere diversi mesi, ma la pelle guarisce in poche settimane.

Per quanto riguarda il post intervento, la prima cosa da fare dopo l’operazione è tenere la mano, in particolar modo il polso, a completo riposo.

L’utilizzo dello splint, di giorno e di notte è consigliato.

A distanza di alcune settimane dall’intervento, bisognerà poi tornare dal medico curante per delle visite di controllo periodico.

Potrebbe essere anche necessario sottoporsi, in una fase appena successiva, a delle sedute di fisioterapia per tunnel carpale.

Con questo concludiamo il nostro articolo sulla sindrome da tunnel carpale. Se volete saperne di più o prenotare una visita presso il nostro Centro Medico non esitate a contattarci.

Potete scriverci una mail utilizzando il nostro form, chiamare il numero che trovate sul nostro sito oppure contattarci tramite live chat in questa pagina.

Dettaglio Autore
Medico Ortopedico

Il Dott. Paolo Trezza è Medico Ortopedico a Milano. Effettua visite specialistiche presso il Centro Medico Unisalus. È iscritta all’albo dei Medici di Milano al numero 37336.

×
Medico Ortopedico

Il Dott. Paolo Trezza è Medico Ortopedico a Milano. Effettua visite specialistiche presso il Centro Medico Unisalus. È iscritta all’albo dei Medici di Milano al numero 37336.

Iscriviti alla Newslewtter

Tieniti informato su prevenzione, analisi e cura. Ricevi tutti gli aggiornamenti di Centro Medico Unisalus via mail.

Torna su