Piede Torto Bilaterale

Indice dei contenuti

Il Dottor Sergio Monforte specialista in Ortopedia si occupa principalmente di Ortopedia e Traumatologia Pediatrica e ci parlerà del piede torto bilaterale.

Piede Torto Neonato

Conosciuto anche come piede torto congenito, si tratta di una malformazione complessa dell’arto inferiore. Lo si definisce bilaterale perché spessissimo colpisce entrambe le gambe. Anche se può capitare che colpisca un solo arto, per cui parliamo soltanto di piede torto senza l’accezione bilaterale.

In particolare il piede è caratterizzato da un’alterazione tridimensionale delle varie componenti osteoarticolari.

Il piede alla nascita pare atteggiato in equino varo addotto supinato, parzialmente riducibile. Tale alterazione deve essere trattata nelle prime settimane di vita del bambino.

Diagnosi di Piede Torto

La diagnosi di piede torto bilaterale viene eseguita ecograficamente nelle prime settimane di sviluppo del feto tra la dodicesima e la ventesima settimana.

Viene poi confermata all’esame clinico dal Neonatologo. Successivamente viene inviato all’ortopedico per conferma diagnostica e per eventuale trattamento.

Metodo Ponseti

Attualmente il trattamento più efficace in termini di guarigione per il piede torto bilaterale e il cosiddetto metodo Ponseti che viene eseguito nelle prime settimane di vita.

Essa consiste in tre fasi principali.

Tenotomia Percutanea

Nella prima fase attraverso dei gessi correttivi seriali si correggono le varie deformità del piede. Sono dei veri e propri tutori piede torto.

Questa fase si conclude generalmente, in circa il 90% dei casi, con un piccolo intervento chiamato tenotomia percutanea.

Mantenimento

Poi c’è una fase di mantenimento della correzione di sviluppo del piede e attraverso l’uso di un tutore in abduzione. Questa è la seconda fase del metodo Ponseti.

Follow-up

La terza fase consiste nel follow-up per accorgerci precocemente della possibilità di recidive del piede torto.

Post Operatorio Piede Torto Bilaterale

Il bambino deve, oltre al trattamento e al mantenimento del tutore, seguire dei controlli di routine. Servono appunto per valutare, durante lo sviluppo in età pediatrica, la possibilità che il piede torto congenito possa recidivare.

Quindi i controlli in ambito ortopedico, hanno la funzione di vedere innanzitutto se durante lo sviluppo del bambino, non ha fastidi, dolori o alterazioni funzionali nel cammino.

Ma soprattutto per accorgerci e renderci conto precocemente dell’eventuale possibilità di recidiva del piede torto congenito bilaterale.

In questo link potete vedere chi era Ponseti

 

 

Dettaglio Autore
Medico Ortopedico

Il Dottor Sergio Monforte è Medico Ortopedico pediatrico a Milano. Effettua visite specialistiche presso il Centro Medico Unisalus. È iscritto all’albo dei Medici di Monza Brianza al numero 2236.

×
Medico Ortopedico

Il Dottor Sergio Monforte è Medico Ortopedico pediatrico a Milano. Effettua visite specialistiche presso il Centro Medico Unisalus. È iscritto all’albo dei Medici di Monza Brianza al numero 2236.

Questa lettura è stata utile? Condividila!
WhatsApp
Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
Iscriviti alla Newsletter

Tieniti informato su prevenzione, analisi e cura. Ricevi tutti gli aggiornamenti di Centro Medico Unisalus via mail.

Torna su