Sinovite Villonodulare

La sinovite villonodulare è una condizione che provoca l’ispessimento e la crescita eccessiva della sinovia. La sinovia è la membrana che riveste le articolazioni e i tendini.
La massa che ne risulta da questo ispessimento non è cancerosa per questo è considerata una neoplasia benigna.
Tuttavia è una malattia progressiva e peggiora lentamente e può portare a danni alle ossa e all’artrite.
Il sintomo principale è un gonfiore significativo nell’area interessata associato a dolore articolare.
Nella maggior parte dei casi il trattamento prevede un intervento chirurgico.

Descrizione della Sinovite Villonodulare

In un’articolazione sana, la sinovia produce del liquido che lubrifica la cartilagine e favorisce il movimento.
Quando si è colpiti dalla sinovite villonodulare pigmentosa la membrana produce liquido in eccesso. Questo provoca gonfiore dell’articolazione e rende i movimenti molto dolorosi.

Questa è la differenza con la sinovite, che invece si manifesta quando la membrana sinoviale si infiamma.

Leggi il nostro articolo sulla Sinovite per saperne di più.

In genere interessa solo un articolazione. In più, nell’80% dei casi si parla di sinovite villonodulare del ginocchio ma può interessare anche:

  • anca
  • spalla
  • caviglia
  • gomito

La malattia può interessare persone di tutte le età però si verifica spesso in giovani adulti dai 20 ai 50 anni.

Forme di Sinovite Villonodulare

Esistono due forme sinovite nodulare:

  • localizzata
  • diffusa

Forma localizzata

Questa forma coinvolge o i tendini che sostengono l’articolazione o solo un’area dell’articolazione. La forma localizzata risponde bene ai trattamenti.

Forma diffusa

Quando la malattia è più diffusa e coinvolge un’intera articolazione si parla di forma diffusa che tende ad essere più aggressiva. Inoltre, è anche più difficile da trattare.

Cause della Sinovite Villonodulare

La causa della sinovite villonodulare pigmentata non è nota.
I ricercatori hanno identificato cambiamenti genetici correlati alla malattia però l’evidenza di una causa genetica non è ancora chiara.
In alcuni pazienti alcune cellule nel rivestimento dell’articolazione presentano un difetto.
Tale difetto fa produrre una proteina che si chiama recettore del fattore 1 stimolante le colonie (CSF-1R).
La proteina è coinvolta nella patologia.

Sinovite Villonodulare: sintomi

Come anticipato la malattia provoca dolore e gonfiore dell’articolazione.

Altri sintomi includono bloccaggio e instabilità nell’articolazione.

Nella forma diffusa spesso c’è un esordio graduale di sintomi tra cui:

  • dolore articolare
  • gonfiore e rigidità

A volte i pazienti possono presentare un emartro ovvero un versamento di sangue nell’articolazione. Ciò si verifica a causa di un trauma all’articolazione interessata.

Diagnosi della Sinovite Villonodulare

Il medico esegue un esame fisico e utilizza i test di imaging per diagnosticare la condizione.
I test che il medico può prescrivere:

  • raggi x, i quali forniscono immagini chiare di strutture dense, come le ossa. Se la condizione non ha danneggiato l’osso è difficile che si possa notare, comunque la radiografia aiuta l’esclusione di altre patologie.
  • risonanza magnetica, che fornisce immagini chiare dei tessuti molli del corpo per questo è utile nella diagnosi. Nella forma localizzata si avrà una massa nodulare. In quella diffusa, invece, si avrà un ampio ispessimento del rivestimento articolare probabilmente con alterazioni ossee distruttive e danni alla cartilagine.
  • aspirazione articolare con la quale si aspira il fluido e si analizza. In molti casi nel liquido è presente del sangue.
  • biopsia, che è utile per avere maggior sicurezza della diagnosi.

Sinovite Villonodulare Pigmentosa cura

Il trattamento della malattia prevede spesso un intervento chirurgico in quanto la sinovite nodulare distrugge l’osso. Inoltre, la massa cresce davvero fino a grandi dimensioni. Nel caso della forma localizzata in cui anche il tendine è danneggiato, il chirurgo lo ripara durante la procedura.
Le procedure chirurgiche previste possono essere:

  • artroscopia
  • chirurgia a cielo aperto
  • chirurgia combinata
  • sostituzione totale dell’articolazione

Artroscopia

Durante l’artroscopia il chirurgo esegue alcune piccole incisioni attorno all’articolazione e inserisce una piccola telecamera chiamata artroscopio. La fotocamera visualizza le immagini su un monitor video che il chirurgo sfrutta per guidare strumenti chirurgici in miniatura.

Chirurgia a cielo aperto

La forma diffusa, che colpisce sia la parte anteriore che quella posteriore del ginocchio, richiede la rimozione dell’intero rivestimento articolare per ridurre le possibilità che la massa ritorni.
In molti casi, ciò si ottiene al meglio con la tradizionale chirurgia a cielo aperto. Un’unica incisione più grande fornisce al chirurgo pieno accesso all’articolazione e facilita la rimozione della massa e dell’intero rivestimento articolare.

Chirurgia combinata

Quando la maggior parte della massa si trova nella parte posteriore del ginocchio, è possibile intraprendere un approccio chirurgico combinato. La parte posteriore del ginocchio viene trattata con un intervento chirurgico a cielo aperto per rimuovere la massa e il rivestimento articolare posteriore. Invece, sulla parte anteriore del ginocchio si interviene con la rimozione artroscopica.

Sostituzione totale dell’articolazione

Nelle sue fasi finali, la condizione può causare un’ampia distruzione articolare.
Una volta che l’articolazione è stata notevolmente danneggiata, l’opzione migliore è una sostituzione totale dell’articolazione.

La sostituzione totale è una procedura in cui le parti del giunto danneggiato si rimuovono e sostituiscono. I materiali che si utilizzano sono metallo, plastica o ceramica.

Sinovite Villonodulare Pigmentosa terapia

Oltre alle procedure chirurgiche si può ricorrere anche ad alcune terapie, che includono:

  • radioterapia
  • terapia farmacologica

Radioterapia per Sinovite villonodulare

La radioterapia può ridurre i tumori e talvolta si utilizza nella forma diffusa. Di solito è riservato ai pazienti in cui la chirurgia standard non ha avuto successo.

In passato, la radioterapia si somministrava tramite un raggio esterno che veniva diretto dall’esterno della pelle all’interno dell’articolazione interessata. Sebbene spesso abbia successo, questo metodo può causare complicazioni.

Di recente si è passati ad un approccio più recente che si definisce radiazione intra-articolare. Durante questa procedura, il fluido radioattivo si inietta nell’articolazione con un ago.

Per alcuni pazienti, la radioterapia può essere utilizzata dopo l’intervento chirurgico per ridurre il rischio di recidiva.

Terapia farmacologica

Attualmente sono allo studio diversi farmaci. Questi prendono di mira specificamente la proteina CSF-1R prodotta dalle cellule del rivestimento articolare e hanno dimostrato di essere efficaci in alcuni pazienti.

  • Ultimi Articoli
Dettagli Autore
Centro Medico a Milano

Il Centro Medico Unisalus a Milano è un Poliambulatorio Specialistico Privato. Si trova vicino alla Stazione Centrale di Milano a pochi passi dal “Pirellone”. 

×
Centro Medico a Milano

Il Centro Medico Unisalus a Milano è un Poliambulatorio Specialistico Privato. Si trova vicino alla Stazione Centrale di Milano a pochi passi dal “Pirellone”. 

Cerca la prestazione di cui hai bisogno

Per maggiori informazioni chiamaci al

Orari apertura ambulatori

Lun. – Ven.: 7:00 – 20:00
Sabato: 9:00 – 16:00
Domenica: Chiuso

Punto Prelievi e test sierologici
Lun. – Ven.: 7:30 – 10:00
Su appuntamento

Orari centralino

Lun. – Ven.: 9:00 – 18:00
Sabato: 9:00 – 16:00

Prenota online

Caricamento in corso ...