Osteoporosi

Indice dei contenuti

L’osteoporosi è una malattia che condiziona le ossa facendole diventare deboli e fragili, talmente fragili che anche una lieve caduta o lievi tensioni possono causare una frattura.
Esse, infatti, si verificano più frequentemente nel polso, colonna vertebrale e nell’anca.

L’osso è una parte anatomia solida che viene costantemente scomposto e sostituito.
La sua composizione è extracellulare molto dura e compatta e mineralizzato.

L’osteoporosi si verifica quando viene a crearsi un nuovo osso che non tiene il passo con la perdita del vecchio.

La malattia colpisce sia uomini che donne di tutte le razze, ma le donne bianche ed asiatiche in genere anziane o che hanno superato la menopausa) sono più soggette

Uno stile di vita di vita sano, l’esercizio fisico e con il supporto di farmaci possono aiutare nella prevenzione della osteoporosi.

Sintomi osteoporosi

Non ci sono sintomi specifici per la osteoporosi nelle prime fasi della perdita ossea.
Una volta che le ossa si indeboliscono si potrebbero verificare sintomi e segni che includono:

  • mal di schiena, solitamente causato da una vertebra fratturata o collassata
  • un osso che si rompe più facilmente del previsto
  • una postura curva
  • perdita di altezza nel tempo

Quando è opportuno consultare un dottore?

È consigliabile consultare un osteopata se si è passati in menopausa precocemente o si assume corticosteroidi per diversi mesi alla volta oppure se ci sono stati casi in famiglia di fratture dell’anca.

Cause osteoporosi

Le ossa sono in costante stato di rinnovamento e vengono prodotte nuove ossa e quelle vecchie vengono scomposte.

Quando si è giovani, il corpo rende le ossa nuove più velocemente di quanto ne vengano scomposte e così la massa ossea aumenta.
Dopo i 20 anni questo processo rallenta e la gran parte delle persone raggiunge il picco di massa ossea entro i 30 anni.

Dopodiché, mano a mano che le persone invecchiano, le ossa si perdono più velocemente di quanto ne vengano create.

L’incidenza di sviluppare l’osteoporosi è dovuta in parte alla quantità di massa ossea ottenuta in gioventù.
Inoltre, il picco di massa ossea viene ereditato e cambia in base all’etnia.

Quindi possiamo dire che, maggiore è la massa ossea accumulata e minore sarà la probabilità di sviluppare l’osteoporosi con l’età.

Fattori di rischio osteoporosi

Numerosi fattori di rischio possono accrescere la probabilità di manifestare la condizione di osteoporosi tra cui:

  • età
  • razza
  • scelte di vita
  • condizioni
  • trattamenti medici

Rischi immutabili

Alcuni fattori di rischio di osteoporosi sono fuori dal controllo di una persona.
Essi possono essere:

  • Sesso. Le donne hanno molte più probabilità di sviluppare la malattia dell’osteoporosi rispetto agli uomini.
  • Età. Più si va avanti con l’età e quindi si invecchia, maggiore è il rischio di osteoporosi.
  • Storia familiare. Avere casi di osteoporosi in famiglia, un genitore o fratello, espone alle persone a un rischio maggiore, soprattutto se la propria madre o padre si sono fratturati un’anca.
  • Dimensioni. Gli uomini e le donne che hanno il corpo piccolo tendono ad avere un rischio maggiore perché potrebbero avere meno massa ossea accumulata nella giovinezza da cui attingere mentre invecchiano.

Livelli di ormoni

L’osteoporosi è più comune in quelle persone che hanno una carenza o un’eccedenza di ormoni nei loro corpi.
Alcuni dei casi possono comprendere:

  • Ormoni sessuali. I livelli più bassi di ormone sessuale hanno la tendenza ad indebolire le ossa. La riduzione degli estrogeni nelle donne in menopausa è uno dei fattori di rischio maggiori di sviluppare l’osteoporosi.
    Gli uomini, invece, hanno una graduale riduzione dei livelli di testosterone nel loro invecchiamento.
  • Problemi alla tiroide. Un eccesso di ormone tiroideo può causare perdita ossea. Tale situazione può verificarsi se la tiroide iperattiva o se si assume farmaci ormonali per curare la condizione di tiroide ipoattiva.
  • Altre ghiandole. L’osteoporosi è stata anche associata a condizioni che caratterizzano paratiroidi iperattivi e ghiandole surrenali.

Fattori dietetici

La malattia dell’osteoporosi è più incidente nelle persone che hanno:

  • Basso apporto di calcio. Il calcio è una sostanza fondamentale per lo sviluppo delle ossa. Un basso apporto di calcio, quindi, contribuisce ad aumentare la possibilità di osteoporosi, la relativa perdita ossea e un aumento di rischio di fratture.
  • Problemi alimentari. Le persone sottopeso e dove è limitata gravemente l’assunzione di cibo avviene un indebolimento delle ossa sia nelle donne che negli uomini.
  • Chirurgia gastrointestinale. La chirurgia volta alla riduzione di parte dell’intestino o dello stomaco limita la quantità di superficie per assorbire nutrienti, compreso il calcio.

Steroidi e altri farmaci

L’uso prolungato di corticosteroidi orali o iniettati, come il prednisone e cortisone, interferisce con il processo di costruzione di nuove ossa.

L’osteoporosi è stata correlata anche a farmaci che vengono prescritti per combattere o prevenire:

Il rischio di osteoporosi è più elevato in quelle persone affette da determinati problemi medici come:

Scelte di vita

Il rischio di osteoporosi può aumentare a causa di cattive abitudini come:

  • Stile di vita sedentario. Le persone che trascorrono molto tempo stando seduti hanno un rischio più elevato di osteoporosi rispetto alle persone più attive.
    L’esercizio fisico sostiene il peso che promuove l’equilibrio e la buona postura sono utili alle ossa ma anche camminare, correre e sollevare pesi sono particolarmente utili.
  • Eccessivo consumo di alcol. Il consumo regolare di alcol, corrispondente a più di due bevande al giorno, aumenta il rischio di osteoporosi.
  • Uso del tabacco. Il ruolo esatto del tabacco nell’osteoporosi non è ancora chiaro, ma è stato dimostrato come contribuisca ad indebolire le ossa.

Complicazioni

Le fratture delle ossa, in particolare quelle che interessano la colonna vertebrale, sono complicazioni più gravi dell’osteoporosi.
Le fratture dell’anca, invece, sono spesso causate da cadute e possono causare disabilità. Inoltre, aumenta il rischio di morte entro il primo anno dopo l’infortunio.

In casi gravi, possono verificarsi fratture spinali che se una persona non è caduta.
Le ossa che compongono la colonna vertebrale possono indebolirsi fino ad accartocciarsi.
Tale condizione può causare mal di schiena, perdita di altezza e una posizione curva in avanti.

osteoporosi prevenzione1

Prevenzione dell’osteoporosi

Uno stile di vita sano con una buona alimentazione e un regolare esercizio fisico sono fondamentali per mantenere le ossa sane per tutta la vita.

Proteine

Le proteine sono uno degli elementi fondamentali delle ossa, tuttavia ci sono ricerche contrastanti sull’impatto dell’assunzione di proteine sulla densità ossea.

Le proteine vengono assunte da molte persone nelle loro diete, ma alcune meno.
Ad esempio, vegetariani e vegani possono assumere abbastanza proteine nelle diete se cercano fonti adeguate come:

  • soia
  • noci
  • legumi
  • semi per vegani e vegetariani
  • latticini e uova per vegetariani

Gli anziani tendono ad assumere meno proteine per vari motivi e per questo hanno bisogno della consulenza del proprio medico

Peso corporeo

Come già accennato, essere sottopeso aumenta la possibilità di perdita ossea e fratture.
Invece, è ormai noto come l’eccesso di peso aumenta seriamente il rischio di fratture al polso e del braccio.

Queste indicazioni sul peso corporeo ci indicano come tenerlo regolare sia importante per le ossa ma anche per tutto il nostro organismo.

Calcio

La dose di calcio che hanno bisogno uomini e donne, in età compresa tra 18 e 50 anni, è di circa 1.000 milligrammi al giorno.
Tale quantità giornaliera aumenta a 1.000 milligrammi quando gli uomini hanno compiuto 70 anni e le donne 50 oppure se sono già entrate in menopausa.

Le fonti di calcio includono:

  • Latticini con un basso contenuto di grassi
  • Verdure a foglia verde scuro come cavoli e broccoli
  • Salmone o sardine
  • Soia
  • Cereali

Se si trova difficile l’assunzione di calcio a sufficienza nella dieta, si può prendere in considerazione l’assunzione di integratori di calcio.

Tuttavia bisogna che venga prescritto da un medico, perché il calcio è stato associato ai calcoli renali.

Inoltre, anche se ancora poco chiaro, gli esperti suggeriscono che calcio assunto in eccesso, specialmente con gli integratori, può aumentare il rischio di malattie cardiache.

Vitamina D

Tra le proprietà della vitamina D c’è quella migliorare la capacità del corpo di assorbire il calcio e migliora la salute delle ossa in altri modi.

La vitamina D può essere assunta dalle persone dalla luce solare, ma potrebbe non essere una buona fonte se:

  • si vive ad alta latitudine
  • se si è costretti spesso a casa
  • si usa regolarmente la crema solare
  • se si evita il sole a causa del rischio di cancro della pelle.

Per ottenere l’adeguata quantità di vitamina D, per mantenere la salute delle ossa, è consigliabile (negli adulti compresa tra 51 e 70 anni) di assumere 600 unità internazionali (UI) e 800 dopo i 70 anni attraverso integratori ed alimenti.

Esercizio fisico

L’esercizio fisico può aiutare ad avere ossa forte e a rallentare la loro perdita, portano beneficio.
Non è importante quando si inizia, ma si otterranno maggiori benefici se l’allenamento è regolare quando si è giovani e si continua ad allenarsi per tutta la tua vita.

Esercizi consigliati sono sia quelli di forza come il sollevamento pesi sia di equilibrio.
Il primo aiuta a rafforzare i muscoli e le ossa delle braccia e della colonna vertebrale.

Gli esercizi di carico influenzano principalmente le ossa delle gambe ei fianchi e della colonna vertebrale inferiore e possono essere:

  • camminare
  • fare jogging
  • correre
  • salire le scale
  • saltare la corda
  • sciare
  • praticare sport di impatto

Infine, gli esercizi di equilibrio possono ridurre il rischio di caduta soprattutto quando si invecchia.

Inoltre, attività come nuotare, andare in bici può fornire un buon allenamento cardiovascolare, ma non migliora la salute delle ossa.

  • Ultimi Articoli
Dettagli Autore
Centro Medico a Milano

Il Centro Medico Unisalus a Milano è un Poliambulatorio Specialistico Privato. Si trova vicino alla Stazione Centrale di Milano a pochi passi dal “Pirellone”. 

×
Centro Medico a Milano

Il Centro Medico Unisalus a Milano è un Poliambulatorio Specialistico Privato. Si trova vicino alla Stazione Centrale di Milano a pochi passi dal “Pirellone”. 

Questa lettura è stata utile? Condividila!
WhatsApp
Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
Iscriviti alla Newsletter

Tieniti informato su prevenzione, analisi e cura. Ricevi tutti gli aggiornamenti di Centro Medico Unisalus via mail.

Torna su