Meningite

Icona
Indice dei contenuti
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Cos’ la meningite? La meningite è un’infiammazione delle meningi ossia le membrane che circondano il cervello e il midollo spinale. Il gonfiore della meningite, in genere, provoca sintomi come mal di testa, febbre e torcicollo.

La maggior parte dei casi dell’infezione riscontrati negli Stati Uniti è causata da un’infezione virale. Alcuni casi di meningite migliorano senza cure in poche settimane. Altri casi possono essere potenzialmente letali e richiedere un trattamento antibiotico di emergenza. Per questo è molto importante prestare attenzione ai primi sintomi di meningite.

La meningite è contagiosa nella maggior parte dei casi, ma in alcuni casi, come ad esempio quella fungina, non lo è.

Sintomi meningite

I primi sintomi della meningite possono imitare quelli influenzali soprattutto torcicollo e febbre uniti a mal di testa. Questi sintomi possono svilupparsi per diverse ore o per alcuni giorni.

Possibili segni e sintomi della meningite negli adulti (o chiunque sia in età superiore ai 2 anni) includono:

  • Febbre alta e improvvisa
  • Torcicollo
  • Grave mal di testa che sembra diverso dal normale
  • Vomito o nausea
  • Convulsioni
  • Confusione o difficoltà di concentrazione
  • Difficoltà a svegliarsi o sonnolenza
  • Sensibilità alla luce
  • Mancanza di fame
  • Eruzione cutanea

Nei neonati possono manifestarsi altri sintomi. I sintomi della meningite nel bambino sono:

  • Febbre alta
  • Irritabilità eccessive
  • Sonnolenza
  • Pianto costante
  • Lentezza o inattività
  • Cattiva alimentazione
  • Un rigonfiamento della fontanella
  • Rigidità nel corpo e nel collo

Sebbene la febbre sia uno dei sintomi principali vi sono anche dei casi, seppur non molto frequenti, di persone colpite da meningite senza febbre.

Quando è opportuno contattare un dottore?

Adesso che vi abbiamo detto i sintomi della meningite quali sono, soprattutto i primi sintomi a cui prestare attenzione, vediamo quando è necessario chiamare il dottore.

Occorre consultare immediatamente un medico se si hanno sintomi di meningite prolungati e nello specifico:

  • Febbre
  • Forte mal di testa
  • Vomito
  • Confusione
  • Torcicollo

La meningite batterica è grave e può essere fatale in pochi giorni senza un rapido trattamento antibiotico. Il trattamento ritardato aumenta il rischio di danni cerebrali permanenti.

meningite sintomi

Cause

Meningite cause: quali sono? Le infezioni virali sono la causa più comune di meningite, seguite da infezioni batteriche e, a volte, infezioni fungine. Poiché le infezioni batteriche possono essere pericolose per la vita, identificare la causa della infezione è essenziale.

Meningite batterica

I batteri  entrano nel flusso sanguigno e viaggiano nel cervello e nel midollo spinale. Essi causano meningite batterica acuta.

Può anche verificarsi quando i batteri invadono direttamente le meningi. Questo può essere causato da un’infezione dell’orecchio o del seno, una frattura del cranio o, raramente, dopo alcuni interventi chirurgici. Ci sono diversi ceppi batterici che possono causare una infezione grave.

Pneumococco

Il pneumococco, chiamato anche Streptococcus pneumoniae è il batterio che causa maggiormente la meningite batterica. Vengono colpiti neonati, bambini piccoli e adulti negli Stati Uniti. Questo batterio provoca solitamente polmonite o infezioni dell’orecchio o del seno.

La vaccinazione può aiutare a prevenire questa infezione.

Meningococco

Il meningococco, chiamato anche Neisseria meningitidis, è un’altra delle principali cause di meningite. batterica. Questi batteri causano comunemente un’infezione delle vie respiratorie superiori.

Possono anche causare meningite meningococcica quando entrano nel sangue. Questa è un’infezione molto contagiosa che colpisce principalmente adolescenti e giovani adulti. Può causare epidemie locali in strutture come dormitori o basi militari.

Anche in questo caso il vaccino può aiutare a prevenire l’infezione.

Emofolio

L’emofolio, detto anche Haemophilus influenzae, è un batterio Haemophilus influenzae di tipo b (Hib). Una volta era la principale causa di meningite batterica nei bambini.
I nuovi vaccini Hib hanno notevolmente ridotto il numero di casi di questo tipo di infezione.

Listeria

Il Listeria, chiamato anche monocytogenes è un batterio che si trovano nei formaggi non pastorizzati, negli hot dog e nelle mense.

Le donne in gravidanza, i neonati, gli adulti più anziani e le persone con un sistema immunitario indebolito e quindi sono più sensibili. La listeria può attraversare la barriera placentare e le infezioni nella gravidanza avanzata possono essere fatali per il bambino.

Meningite virale

Meningite virale o batterica non sono la stessa cosa. Vediamo ora quella definita virale. Anche virus come l’herpes simplex, la parotite, l’HIV, il virus del Nilo occidentale e altri possono causare infezione virale.

Meningite cronica

Gli organismi a crescita lenta, come funghi e Mycobacterium tuberculosis, che invadono le membrane e il fluido che circonda il cervello causano meningite cronica. La forma cronica si manifesta nell’arco di due settimane o più.

I segni e i sintomi della meningite cronica, simili a quelli della meningite acuta, sono:

  • mal di testa
  • torcicollo e febbre
  • vomito
  • nuvolosità mentale
  • eruzione cutanea da meningite

Meningite fungina

La meningite fungina, relativamente rara, causa meningite cronica e può imitare la meningite batterica acuta, non è contagiosa da persona a persona. La meningite criptococcica è una forma fungina comune della malattia che colpisce persone con deficienze immunitarie, come l’AIDS.

È pericolosa per la vita se non trattata con un farmaci antifungini.

Fattori di rischio

I fattori di rischio della meningite sono vari e vanno analizzati con cura. Parlane sempre con il tuo medico curante.

Vaccinazioni saltate

Il rischio aumenta drasticamente per chiunque non abbia completato il programma di vaccinazione per l’infanzia o per adulti raccomandato.

Età

La maggior parte dei casi di meningite virale si verifica nei bambini di età inferiore ai cinque anni. La meningite batterica è comune nei soggetti di età inferiore ai venti.

Vivere in un ambiente di gruppo

Gli studenti che vivono in dormitori, il personale delle basi militari e i bambini nei collegi e nelle strutture per l’infanzia sono maggiormente a rischio di meningite meningococcica.

Questo è probabilmente dovuto al fatto che il batterio si diffonde per via respiratoria e si diffonde rapidamente attraverso grandi gruppi.

Gravidanza

La gravidanza aumenta il rischio di listeriosi e può anche causare meningite. La listeriosi aumenta il rischio di aborto spontaneo,  parto prematuro e parto morto.

Sistema immunitario compromesso

AIDS, diabete, alcolismo, uso di farmaci immunosoppressori e altri fattori che influenzano il sistema immunitario rendono più suscettibili alla malattia.
Anche la rimozione della milza aumenta il rischio. Chiunque non abbia una milza dovrebbe essere vaccinato per ridurre al minimo tale rischio.

Complicazioni

Le complicanze della meningite possono essere molto gravi. Più a lungo si convive con la malattia senza trattamento, maggiore è il rischio di danni neurologici permanenti, tra cui:

  • Perdita dell’udito
  • Difficoltà di memoria
  • Difficoltà di apprendimento
  • Problemi di andatura
  • Insufficienza renale
  • Shock
  • Danno cerebrale
  • Morte

Con un trattamento tempestivo, anche i pazienti con forme gravi della malattia possono avere un buon recupero.

Prevenzione

I comuni batteri o virus che possono causare la meningite possono diffondersi attraverso strarnuti, tosse, il bacio o la condivisione di utensili per mangiare, uno spazzolino da denti o una sigaretta.

Queste azioni posso prevenire casi di meningite.

Lavarsi le mani

Un attento lavaggio delle mani aiuta a prevenire la diffusione di batteri nocivi. Insegnare ai bambini a lavarsi spesso le mani, può diminuire le infezioni. È consigliabile mostrare loro come lavarsi e sciacquarsi vigorosamente e accuratamente le mani.

Praticare una buona igiene

Non condividere cibi, bevande, cannucce, utensili da cucina, balsami per le labbra o spazzolini da denti con nessun altro. Bisogna educare i bambini e adolescenti a non condividere questi elementi.

Mantenersi in salute

Mantenere il sistema immunitario in buono stato riposando a sufficienza, allenandosi regolarmente e seguendo una dieta sana ricca di frutta fresca, verdura e cereali integrali.

Vaccinazioni

Alcune forme di meningite batterica sono prevenibili con la vaccinazione.

Vaccino per Haemophilus influenzae di tipo b (Hib)

I bambini negli Stati Uniti ricevono abitualmente questo vaccino come parte del programma vaccinale raccomandato di vaccini, a partire dall’età di circa 2 mesi.
Il vaccino è raccomandato anche per alcuni adulti, compresi quelli con  AIDS o anemia falciforme e coloro che non hanno la milza.

Vaccino contro il coniugato pneumococcico (PCV13)

Si raccomanda di somministrare una singola dose ai bambini di età compresa tra 11 e 12 anni. Invece, con una dose di richiamo somministrata all’età di 16 anni.
Questo vaccino può anche essere somministrato a bambini di età compresa tra 2 mesi e 10 anni che sono ad alto rischio di infezione batterica
Viene anche usato per immunizzare persone sane ma precedentemente non vaccinate che sono state esposte a epidemie.

Diagnosi

Il medico di famiglia o il pediatra può diagnosticare la meningite sulla base di anamnesi, e tramite risultati di alcuni test diagnostici. Durante l’esame, il medico può verificare la presenza di segni di infezione intorno alla testa, alle orecchie, alla gola e alla pelle lungo la colonna vertebrale.

Emocolture

I campioni di sangue vengono collocati in un piatto speciale per vedere la crescita degli microrganismi, in particolare i batteri. Un campione può anche essere posizionato su un vetrino e colorato, e quindi studiato al microscopio per i batteri.

Diagnostica per immagini

Le scansioni tomografiche computerizzate o di risonanza magnetica della testa possono mostrare gonfiore o infiammazione. Le radiografie o le scansioni del torace o dei seni possono anche mostrare infezione in altre aree che possono essere associate alla patologia.

Puntura lombare

Un test meningite che può essere richiesto è la puntura lombare. Per una diagnosi definitiva dell’infezione, si avrà bisogno di un prelievo spinale per raccogliere il liquido cerebrospinale.

Infatti nelle persone affette da questa malattia, il liquido cerebrospinale mostra spesso un basso livello di zucchero, un aumento della conta dei globuli bianchi e un aumento delle proteine.

L’analisi del liquido cerebrospinale può anche aiutare il medico a identificare quale batterio ha causato dell’infezione. Se il medico sospetta la meningite virale, può ordinare un test a base di DNA noto come amplificazione della reazione a catena della polimerasi o un test per verificare la presenza di anticorpi contro determinati virus per determinare la causa specifica e determinare il trattamento adeguato.

Dettaglio Autore
Medico Neurologo

Il Dott. Luciano Bet Neurologo Milano è un Medico Chirurgo specializzato in Neurologia. Effettua visite specialistiche presso il Centro Medico Unisalus. È iscritto all’albo dei Medici di Milano al numero 25265.

×
Medico Neurologo

Il Dott. Luciano Bet Neurologo Milano è un Medico Chirurgo specializzato in Neurologia. Effettua visite specialistiche presso il Centro Medico Unisalus. È iscritto all’albo dei Medici di Milano al numero 25265.

Questa lettura è stata utile? Condividila!
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Iscriviti alla Newsletter

Tieniti informato su prevenzione, analisi e cura. Ricevi tutti gli aggiornamenti di Centro Medico Unisalus via mail.

Torna su