Malattia di Raynaud

Indice dei contenuti
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

La Malattia di Raynaud si presenta come vasospamo di parti delle dita della mano, a causa di freddo e stress emotivo, con associati i seguenti sintomi:

  • insensibilità
  • percezione di freddo
  • cambiamento di colore della pelle delle dita
  • intorpidimento, pizzicore e, perfino, dolore pungente

Il fenomeno di Raynaud è una condizione clinica associata alle arterie più piccole che si restringono a causa della limitata circolazione di sangue nell’area delle dita delle mani e dei piedi, assumendo un colore bianco.

Sebbene la Malattia di Raynaud colpisca più comunemente le dita delle mani e dei piedi, può interessare anche altre aree del corpo, come naso, labbra, orecchie e persino i capezzoli.

Le donne hanno maggiori probabilità rispetto agli uomini di avere la Malattia di Raynaud.

Il trattamento della Malattia di Raynaud dipende dalla sua gravità e dalla presenza di altre condizioni di salute.

Per la maggior parte delle persone, la patologia non è disabilitante, ma può influire sulla qualità della vita.

Quando consultare un medico specialista?

E’ consigliabile consultare immediatamente il medico se si ha una storia di Malattia di Raynaud grave e si sviluppa una ferita o infezione in una delle dita o dei piedi interessati.

I segni e sintomi della Malattia di Raynaud di solito compaiono intorno ai 40 anni.

Sono spesso associati ad altre malattie come il lupus, l’artrite reumatoide e la sindrome di Sjogren.

Come si effettua la diagnosi della Malattia di Raynaud?

In sede di visita reumatologica, il medico specialista reumatologo  chiederà i sintomi e la storia medica e condurrà un esame fisico, associato ad un test specifico denominato capillaroscopia delle unghie.

Con questo esame diagnostico, il medico esamina la pelle alla base dell’unghia, sotto un microscopio o una lente d’ingrandimento, al fine di individuare deformità o allargamento dei piccoli vasi sanguigni (capillari).

Questa lettura è stata utile? Condividila!
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Iscriviti alla Newsletter

Tieniti informato su prevenzione, analisi e cura. Ricevi tutti gli aggiornamenti di Centro Medico Unisalus via mail.

Torna su