92019Lug
Ecografia addome completo

Ecografia addome completo

L’ecografia addome completo: informazioni utili

Come si svolge l’ecografia addome completo?

Si tratta di un esame strumentale che non prevede l’utilizzo l’uso di radiazioni ionizzanti, bensì si avvale della trasmissione di ultrasuoni emessi da una sonda che viene appoggiata sulla pelle del paziente inumidita con un gel che facilita la loro propagazione in profondità dell’addome. Attraverso questo strumento è possibile visualizzare sul monitor sia gli organi che i principali vasi sanguini presenti nella cavità addominale.

Durante l’esame accade di frequente che lo specialista – per facilitare lo studio degli organi – inviti il paziente a trattenere il respiro oppure a respirare profondamente. Può anche chiedere di modificare la sua posizione in modo da  poter osservare meglio alcuni organi.

La sua durata varia di caso in caso; di norma è comunque di circa 20 minuti.

Che funzione ha il gel che viene utilizzato nel corso dell’ecografia?

Il gel è a base d’acqua ed è impiegato in tutte le ecografie in quanto ha un’importante funzione chimico – fisica, perché aumenta la conducibilità degli ultrasuoni attraverso la pelle ed i tessuti sottostanti e, al tempo stesso, annulla la resistenza dell’aria.

Quali sono gli organi che l’ecografia addome completo permette di studiare?

Con questo esame diagnostico è possibile indagare e studiare i principali organi del nostro organismo. Infatti, lo specialista che esegue lo esegue può valutare lo stato complessivo di salute del fegato, dei reni, del pancreas, della milza, della colecisti, delle vie biliari, della vescica, dei genitali interni, dell’aorta, di eventuali linfonodi ingrossati.

Quale preparazione è necessaria per eseguire al meglio questo esame?

Per eseguire correttamente questa indagine strumentale è necessario eliminare l’aria presente nell’intestino. Per questa ragione:

  • Nei tre giorni precedenti la sua esecuzione occorre utilizzare, dopo i pasti principali, tisane reperibili in farmacia o pastiglie di carbone vegetale
  • Il giorno prima debbono essere evitati cibi quali pasta, frutta, verdura, latte e formaggi, legumi e cereali, bevande gassate; è inoltre consigliato evitare cibi ricchi di grasso ed eccessivamente conditi.
  • Il giorno dell’esame è opportuno rimanere a digiuno; se questo è previsto per il pomeriggio, può essere consumata una leggera colazione a base di thè con una fetta biscottata.
  • Prime dell’esecuzione dell’esame può essere essenziale bere un quantitativo di acqua – preferibilmente non gasata – che permetta di riempire la vescica per consentirne una valutazione più accurata.

È un esame doloroso?

No, non è doloroso e dopo la sua esecuzione è possibile, di regola, riprendere le attività della vita quotidiana.

Condividi: