Diverticolite

Icona
Indice dei contenuti
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

La diverticolite è caratterizzata dai diverticoli che sono piccoli sacchetti che si possono formare nell’apparato digestivo.
I diverticoli si trovano spesso nella parte inferiore dell’intestino crasso, chiamato anche colon.

La diverticolite è una condizione comune, soprattutto negli over 40, e raramente causano problemi.

La diverticolite, quindi, si verifica quando uno o più diverticoli si infiammano o si infettano.

Questa condizione può causare forti dolori addominali, nausea, febbre e instabilità.

La diverticolite di lieve intensità può essere curata con:

  • riposo
  • cambio nella dieta
  • antibiotici

Invece, la forma grave o ricorrente può richiedere un intervento chirurgico.

Sintomi diverticolite

Sintomi e segni della diverticolite possono includere:

  • Dolore, che può essere persistere e costante per diversi giorni. La parte inferiore sinistra dell’addome è l’area dove solitamente si concentra il dolore.
  • Vomito e nausea
  • Febbre
  • Indolenzimento addominale
  • Diarrea o costipazione

Cause

I diverticoli, in genere, si manifestano quando i punti deboli del colon cedono sotto pressione.

La condizione della diverticolite si manifesta quando i diverticoli si rompono causando, così, infiammazione o infezione o entrambe.

Diagnosi

La diverticolite, in genere, viene diagnosticata quando è in atto un attacco acuto.
Infatti, il dolore addominale può indicare una serie di condizioni, che il medico dovrà analizzare per formulare la diagnosi corretta.

In fase di visita il medico inizierà con un esame fisico, che includerà il controllo dell’addome.
Alle donne, oltre all’esame dell’addome, viene solitamente eseguito un esame pelvico per escludere una malattia pelvica.

Esami

Successivamente all’esame fisico, di norma vengono prescritti i seguenti esami:

  • Esami del sangue e delle urine, per verificare se sono presenti infezioni
  • Se la donna è in età fertile viene prescritto un test di gravidanza per escludere la gravidanza come causa di dolore addominale.
  • Test agli enzimi epatici, per escludere le cause correlate al fegato
  • Un test delle feci, per escludere l’infezione caratteristiche delle persone con diarrea.
  • Una TAC, che può identificare i sacchetti infiammati o infetti e confermare una diagnosi di diverticolite e stabilirne l’entità.

Fattori di rischio

I diversi fattori possono aumentare l’incidenza di sviluppare diverticoli:

  • Invecchiamento. Questa condizione diventa più comune con l’aumentare dell’età
  • Obesità. Essere in sovrappeso aumenta le possibilità di sviluppare diverticoli
  • Fumo. I fumatori hanno maggiori probabilità rispetto ai non fumatori di sperimentare la diverticolite.
  • Mancanza di esercizio. L’inattività sembrerebbe aumentare la possibilità di sviluppare la diverticolite.
  • Dieta ricca di grassi animali e povera di fibre. Una dieta a basso contenuto di fibre in combinazione con un elevato apporto di grassi animali sembrerebbe aumentare le possibilità di sviluppare la condizione, sebbene il ruolo della bassa fibra da solo non sia chiaro.
  • Alcuni farmaci possono aumentato rischio di diverticolite come oppioidi, steroidi e farmaci antinfiammatori che non contengono steroidi.

Diverticolite complicanze

Complicazioni

Le complicazioni della diverticolite acuta, in circa il 25% dei casi, possono sviluppare complicanze che possono includere:

  • Un ascesso, che si verifica quando il pus si accumula nella busta.
  • Un blocco nell’intestino tenue o nel colon causato da cicatrici.
  • Un passaggio anormale, chiamata fistola, tra le sezioni dell’intestino o dell’intestino e della vescica.
  • Peritonite, che può verificarsi in caso di rottura del sacchetto infiammato o infetto, versando contenuto intestinale nella cavità addominale.

Prevenzione

Per prevenire la diverticolite bisognerebbe fare:

  • Fare attività fisica. L’esercizio fisico svolto regolarmente promuove la normale funzione intestinale e riduce la pressione del colon. È consigliabile allenarsi almeno 30 minuti al giorno.
  • Mangiare cibi ricchi di fibre. Una dieta contenente fibre diminuisce la possibilità di diverticoli. Gli alimenti ricchi di fibre, come verdura fresca, frutta e cereali integrali, ammorbidiscono il materiale di scarto e lo aiutano a passare più rapidamente attraverso i due punti. Mangiare noci o sei non è correlato allo sviluppo della diverticolite.
  • Bevi molti liquidi. La fibra agisce assorbendo acqua e aumentando i rifiuti morbidi e voluminosi nei due punti. Ma se non bevi abbastanza liquido per sostituire ciò che viene assorbito, la fibra può essere costipante.

Trattamenti

Il trattamento per curare questa condizione dipende dalla gravità dei segni e dei sintomi.

Diverticolite semplice

Se i sintomi sono lievi, è probabile che il medico prescriva:

  • Gli antibiotici per il trattamento delle infezioni, anche se nuovi studi recenti affermino che in casi molto lievi, potrebbero non essere necessari.
  • Una dieta liquida per alcuni giorni per far guarire le viscere. Una volta che i sintomi migliorano, si potranno reintegrare i cibi solidi nella dieta.
  • Un antidolorifico da banco, come il paracetamolo.

Diverticolite complicata

Se si ha un attacco grave o se si hanno altri problemi di salute, probabilmente il paziente dovrà essere ricoverato in ospedale.

Il trattamento per la condizione grave prevede generalmente:

  • Antibiotici per via endovenosa
  • Inserimento di un tubo per drenare un ascesso che si è formato nell’intestino

Chirurgia

Per la diverticolite grave si avrà, probabilmente, bisogno di un intervento chirurgico se:

  • Ci sono complicanze, come un ascesso intestinale, una fistola o un’ostruzione o una perforazione nella parete intestinale
  • Si hanno più episodi di diverticolite semplice
  • Si ha un sistema immunitario debole

Esistono due tipi principali di interventi chirurgici:

  • Resezione intestinale primaria. Il chirurgo procederà con la rimozione dei segmenti malati dell’intestino per poi riconnette i segmenti sani. Questa procedura consente di avere normali movimenti intestinali.
    A seconda della quantità di infiammazione, potresti avere un intervento chirurgico aperto o in laparoscopia una procedura minimamente invasiva.
  • Resezione intestinale con colostomia. Se si ha una infiammazione che non è possibile ricongiungersi al colon e al retto, il chirurgo eseguirà una colostomia.
    Un’apertura nella parete addominale è collegata alla parte sana del colon. I rifiuti passano attraverso l’apertura in un sacchetto.
    Una volta che l’infiammazione è diminuita, la colostomia può essere invertita e l’intestino può essere ricollegato.
Dettaglio Autore
Medico Gastroenterologo

La Dottoressa Federica Invernizzi è Medico Gastroenterologo a Milano. Effettua visite specialistiche presso il Centro Medico Unisalus ,insieme con gli esami ecografici delle anse intestinali. È iscritta all’albo dei Medici di Lecce al numero 1757.

×
Medico Gastroenterologo

La Dottoressa Federica Invernizzi è Medico Gastroenterologo a Milano. Effettua visite specialistiche presso il Centro Medico Unisalus ,insieme con gli esami ecografici delle anse intestinali. È iscritta all’albo dei Medici di Lecce al numero 1757.

Questa lettura è stata utile? Condividila!
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Iscriviti alla Newsletter

Tieniti informato su prevenzione, analisi e cura. Ricevi tutti gli aggiornamenti di Centro Medico Unisalus via mail.

Torna su