Demenza

Icona
Indice dei contenuti
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

La demenza è un gruppo di sintomi che influenzano la memoria, il pensiero e le capacità sociali tanto da interferire con la tua vita quotidiana.

Non è una malattia specifica, ma diverse malattie possono causare la condizione.

Sebbene la demenza come sintomo principale implichi la perdita di memoria, la stessa può avere diverse cause.
Avere solo perdita di memoria non significa che si è affetti da questa condizione.

La malattia di Alzheimer è la causa più comune di una demenza progressiva negli anziani, ma ci sono una serie di cause che possono provocarla.

In alcuni casi, a seconda della causa alcuni sintomi della condizione possono essere reversibili.

Sintomi Demenza

I sintomi e segni della demenza possono variare a seconda della causa:

  • cambiamenti cognitivi
  • perdita di memoria
  • problemi nella comunicazione o trovare parole
  • difficoltà con abilità spaziali e visivi, come perdersi
  • fatica con la pianificazione e l’organizzazione
  • difficoltà di ragionamento o nella risoluzione dei problemi
  • difficoltà a gestire compiti complessi
  • impedimento nella coordinazione
  • disorientamento e confusione
  • cambiamenti psicologici
  • cambiamenti di personalità
  • depressione
  • ansia
  • comportamento non appropriato
  • paranoia
  • agitazione
  • allucinazioni

Quando è consigliabile consultare un dottore?

È opportuno consultare un medico se si hanno problemi di memoria o altri sintomi di demenza.
Alcune condizioni mediche che possono essere curabili talvolta possono causare sintomi della condizione, quindi è importante determinare la causa sottostante.

Cause

Le cause della demenza sono riconducibili a danni o perdita di cellule nervose delle loro connessioni nel cervello.
A seconda dell’area del cervello colpita dal danno, la demenza può influenzare le persone in modo diverso e causare sintomi diversi.

Le demenze vengono spesso raggruppate in base a cosa hanno in comune, come le proteine o le proteine depositate nel cervello o la quale parte del cervello viene interessata.

Alcune malattie possono sembrare demenze, come quelle causate da una reazione a farmaci o carenze di vitamina e potrebbero migliorare con il trattamento.

Demenze progressive

I tipi di demenze che progrediscono e non sono reversibili e possono includere diverse condizioni.

Morbo di Alzheimer

Il morbo di Alzheimer è la causa più comune di demenza.
Le cause dell’Alzheimer non sono ancora chiare, ma gli studi hanno dimostrato come una
piccola percentuale è correlata a mutazioni di tre geni, che possono essere trasmesse da genitore a figlio.

Ma non solo, diversi geni diversi sembrano essere coinvolti nella malattia di Alzheimer, un gene importante che aumenta il rischio è l’apolipoproteina E4 (APOE).

I pazienti con malattia di Alzheimer hanno come caratteristica la presenza di placche e grovigli nel cervello.
Le placche sono accumuli di una proteina chiamata beta-amiloide, mentre i grovigli sono grovigli fibrosi costituiti da proteine tau e si pensa che questi ammassi danneggino i neuroni sani e le fibre che li collegano.

Altri fattori genetici potrebbero aumentare le probabilità che le persone sviluppino l’Alzheimer.

Demenza vascolare

Questo secondo tipo più comune di demenza è causato da danni ai vasi che forniscono sangue al cervello.
I problemi dei vasi sanguigni possono causare ictus o danneggiare il cervello in altri modi, ad esempio danneggiando le fibre nella sostanza bianca del cervello.

I sintomi più comuni della demenza vascolare comprendono difficoltà di risoluzione dei problemi, pensiero rallentato, concentrazione e organizzazione. Questi tendono ad essere più evidenti della perdita di memoria.

Demenza da corpi di Lewy

I corpi di Lewy sono gruppi di proteine anomali simili a palloncini che sono stati trovati nel cervello di persone con demenza corporea di Lewy, morbo di Alzheimer e morbo di Parkinson. Questo è uno dei tipi più comuni di demenza progressiva.

Segni e sintomi comuni includono la realizzazione dei propri sogni nel sonno, la visione di cose che non esistono (allucinazioni visive) e problemi di concentrazione e attenzione. Altri segni comprendono movimenti non coordinati o lenti, tremori e rigidità (parkinsonismo).

Demenza frontotemporale

Questo è un gruppo di malattie caratterizzate dalla rottura (degenerazione) delle cellule nervose e dalle loro connessioni nei lobi frontali e temporali del cervello, le aree generalmente associate a personalità, comportamento e linguaggio.

I sintomi comuni influenzano comportamento, personalità, pensiero, giudizio, linguaggio e movimento.

Demenza mista

Gli studi di autopsia sul cervello di persone di età pari o superiore a 80 anni che avevano la demenza indicano che molti avevano una combinazione di diverse cause, come il morbo di Alzheimer, la demenza vascolare e la demenza da corpi di Lewy.

Sono in corso studi per determinare in che modo la demenza mista influenza sintomi e trattamenti.

Malattia di Huntington

Causata da una mutazione genetica, questa malattia provoca la perdita di alcune cellule nervose nel cervello e nel midollo spinale.

I segni e sintomi, incluso un grave declino delle capacità di pensiero (cognitivo), di solito compaiono intorno ai 30 o 40 anni.

Lesione cerebrale traumatica (TBI)

Questa condizione è spesso causata da un trauma cranico ripetitivo.
Persone come pugili, calciatori o soldati potrebbero sperimentare la TBI.

A seconda della parte del cervello che è ferita, questa condizione può causare segni e sintomi di demenza come depressione, esplosività, perdita di memoria e linguaggio alterato.
La TBI può anche causare parkinsonismo. I sintomi potrebbero non comparire fino a anni dopo il trauma.

Malattia di Creutzfeldt-Jakob

Questo raro disturbo cerebrale si verifica di solito in persone senza fattori di rischio noti.
Questa condizione potrebbe essere dovuta a depositi di proteine infettive chiamate prioni.

La malattia di Creutzfeldt-Jakob di solito non ha una causa nota ma può essere ereditata.
Può anche essere causato dall’esposizione al cervello malato o al tessuto del sistema nervoso, ad esempio da un trapianto di cornea.

I segni e sintomi di questa condizione fatale compaiono di solito dopo i 60 anni.

Morbo di Parkinson

Molte persone con morbo di Parkinson alla fine sviluppano sintomi di demenza (demenza della malattia di Parkinson).

Condizioni simili alla demenza che possono essere invertite

Alcune cause di demenza o sintomi simil-demenza possono essere invertite con il trattamento.

Infezioni e disturbi immunitari

I sintomi simil-demenza possono derivare da febbre o altri effetti collaterali del tentativo del corpo di combattere un’infezione.

Anche la sclerosi multipla e altre condizioni causate dal sistema immunitario che attaccano le cellule nervose possono causare demenza.

Problemi metabolici e anomalie endocrine.

Le persone con problemi alla tiroide, bassi livelli di zucchero nel sangue (ipoglicemia), troppo poco o troppo sodio o calcio o problemi di assorbimento della vitamina B-12 possono sviluppare sintomi simil-demenza o altri cambiamenti di personalità.

Carenze nutrizionali

Queste carenze nutrizionali possono essere:

  • Non bere abbastanza liquidi (disidratazione). Non assumere abbastanza tiamina (vitamina B-1), che è comune nelle persone con alcolismo cronico; e non assumere abbastanza vitamine B-6 e B-12 nella dieta può causare sintomi simili alla demenza. Carenze di rame e vitamina E possono anche causare sintomi di demenza.
  • Effetti collaterali dei farmaci. Gli effetti collaterali dei farmaci, una reazione a un farmaco o un’interazione di diversi farmaci possono causare sintomi simili alla demenza.
  • Ematomi subdurali. Il sanguinamento tra la superficie del cervello e la copertura del cervello, che è comune negli anziani dopo una caduta, può causare sintomi simili a quelli della demenza.
  • Avvelenamento. L’esposizione a metalli pesanti, come il piombo e altri veleni, come i pesticidi, nonché l’uso di droghe ricreative o alcolici pesanti può portare a sintomi di demenza. I sintomi potrebbero risolversi con il trattamento.
  • Tumori cerebrali. Raramente, la demenza può derivare da danni causati da un tumore al cervello.
    Anossia. Questa condizione, chiamata anche ipossia, si verifica quando i tessuti degli organi non ricevono abbastanza ossigeno. L’anossia può verificarsi a causa di gravi apnee notturne, asma, infarto, avvelenamento da monossido di carbonio o altre cause.
  • Idrocefalo a pressione normale. Questa condizione, che è causata da ventricoli allargati nel cervello, può causare problemi di deambulazione, difficoltà urinarie e perdita di memoria.

Fattori di rischio demenza

Molti fattori possono eventualmente contribuire alla demenza.
Alcuni fattori, come l’età, non possono essere modificati.
Altri possono essere indirizzati per ridurre il rischio.

Fattori di rischio che non possono essere modificati

Fattori di rischio che non possono essere modificati sono:

  • Età. Il rischio aumenta con l’età, soprattutto dopo i 65 anni. Tuttavia, la demenza non è una parte normale dell’invecchiamento e la demenza può verificarsi nei giovani.
  • Storia famigliare. Avere una storia familiare di demenza ti espone a un rischio maggiore di sviluppare la condizione. Tuttavia, molte persone con una storia familiare non sviluppano mai sintomi, e molte persone senza una storia familiare lo fanno. Esistono test per determinare se hai determinate mutazioni genetiche.
  • Sindrome di Down. Entro la mezza età, molte persone con sindrome di Down sviluppano la malattia di Alzheimer ad esordio precoce.

Fattori di rischi che possono essere modificati

Fattori di rischio che si possono modificare, invece sono:

  • Dieta ed esercizio fisico. La ricerca mostra che la mancanza di esercizio fisico aumenta il rischio di demenza. E mentre nessuna dieta specifica è nota per ridurre il rischio di demenza, la ricerca indica una maggiore incidenza di demenza nelle persone che seguono una dieta malsana rispetto a coloro che seguono una dieta mediterranea ricca di prodotti, cereali integrali, noci e semi.
  • Uso di alcol pesante. Se si beve grandi quantità di alcol, si può avere un rischio maggiore di demenza. Mentre alcuni studi hanno dimostrato che una moderata quantità di alcol potrebbe avere un effetto protettivo, i risultati sono incoerenti. La relazione tra quantità moderate di alcol e rischio di manifestare questa condizione non è ben compresa.
  • Fattori di rischio cardiovascolare. Questi includono ipertensione, colesterolo alto, accumulo di grassi nelle pareti delle arterie (aterosclerosi) e obesità.
  • Depressione. Sebbene non ancora ben compresa, la depressione in età avanzata potrebbe indicare lo sviluppo della demenza.
  • Diabete. Avere il diabete può aumentare il rischio di demenza, soprattutto se scarsamente controllato.
  • Fumo. Il fumo potrebbe aumentare il rischio di sviluppare demenza e malattie dei vasi sanguigni.
  • Apnea notturna. Le persone che russano e hanno episodi in cui spesso smettono di respirare mentre dormono possono avere una perdita di memoria reversibile.
  • Carenze vitaminiche e nutrizionali. Bassi livelli di vitamina D, vitamina B-6, vitamina B-12 e acido folico possono aumentare il rischio di demenza.

Quali sono le complicazioni della demenza?

La demenza può influenzare molti sistemi corporei e, quindi, la capacità di funzionare può portare e a:

Cattiva alimentazione. Molte persone con demenza alla fine riducono o smettono di mangiare, influenzando il loro apporto di nutrienti. In definitiva, potrebbero non essere in grado di masticare e deglutire.
Polmonite. La difficoltà a deglutire aumenta il rischio di soffocare o aspirare cibo nei polmoni, che può bloccare la respirazione e causare polmonite.
Incapacità di svolgere compiti di auto-cura. Man mano che la demenza progrediscepuò interferire con il bagno, il vestirsi, lavarsi i capelli o i denti, usare il bagno in modo indipendente e assumere farmaci con precisione.

Prevenzione

Non esiste un modo sicuro per prevenire la demenza, ma ci sono dei passi che potresti fare che potrebbero aiutare.
Sono necessarie ulteriori ricerche, ma potrebbe essere utile effettuare le seguenti operazioni:

  • Mantenere la mente attiva. Attività mentalmente stimolanti, come leggere, risolvere enigmi e giocare a giochi di parole, e l’allenamento della memoria potrebbero ritardare l’insorgenza della demenza e diminuirne gli effetti.
  • Sii fisicamente e socialmente attivo. L’attività fisica e l’interazione sociale potrebbero ritardare l’insorgenza della demenza e ridurne i sintomi. Muoviti di più e punta a 150 minuti di allenamento a settimana.
  • Smettere di fumare. Alcuni studi hanno dimostrato che il fumo nella mezza età e oltre può aumentare il rischio di demenza e patologie dei vasi sanguigni (vascolari). Smettere di fumare potrebbe ridurre il rischio e migliorare la salute.
  • Prendere abbastanza vitamine. Alcune ricerche suggeriscono che le persone con bassi livelli di vitamina D nel sangue hanno maggiori probabilità di sviluppare il morbo di Alzheimer e altre forme di demenza. È possibile ottenere vitamina D attraverso determinati alimenti, integratori ed esposizione al sole.

Diagnosi

Diagnosticare la demenza e il suo tipo può essere impegnativo.

Le persone hanno demenza quando hanno deficit cognitivi e perdono la capacità di svolgere le funzioni quotidiane, come assumere i farmaci, pagare le bollette e guidare in sicurezza.

Per diagnosticare la causa della demenza, il medico deve riconoscere il modello della perdita di capacità e funzioni e determinare ciò che una persona è ancora in grado di fare.

Più recentemente, i biomarcatori sono diventati disponibili per fare una diagnosi più accurata della malattia di Alzheimer.

Il medico esaminerà la tua storia medica e i sintomi e condurrà un esame fisico. Probabilmente chiederà anche a qualcuno vicino a te i tuoi sintomi.

Nessun singolo test può diagnosticare la demenza; quindi è probabile che i medici eseguano una serie di test che possono aiutare a individuare il problema.

Test cognitivi e neuropsicologici

I medici valuteranno la tua funzione di pensiero (cognitiva). Numerosi test misurano le capacità di pensiero, come memoria, orientamento, ragionamento e giudizio, abilità linguistiche e attenzione.

Valutazione neurologica

I medici valutano la tua memoria, il linguaggio, la percezione visiva, l’attenzione, la risoluzione dei problemi, il movimento, i sensi, l’equilibrio, i riflessi e altre aree.

Gli esami per la valutazione neurologica possono essere:

  • TC o risonanza magnetica. Queste scansioni possono verificare l’evidenza di ictus o sanguinamento o tumore o idrocefalo.
  • Scansioni PET. Questi possono mostrare modelli di attività cerebrale e se la proteina amiloide, un segno distintivo della malattia di Alzheimer, è stata depositata nel cervello.

Test di laboratorio

Esami del sangue semplici possono rilevare problemi fisici che possono influire sulla funzione cerebrale, come carenza di vitamina B-12 o ghiandola tiroidea non attiva. A volte il liquido spinale viene esaminato per infezione, infiammazione o marcatori di alcune malattie degenerative.

Valutazione psichiatrica

Un professionista della salute mentale può determinare se la depressione o un’altra condizione di salute mentale sta contribuendo ai sintomi.

Trattamenti

La maggior parte dei tipi di demenza non può essere curata, ma ci sono modi per gestire i sintomi.

Farmaci

Quanto segue viene utilizzato per migliorare temporaneamente i sintomi della demenza: i farmaci inibitori della colinesterasi agiscono aumentando i livelli di un messaggero chimico coinvolto nella memoria e nel giudizio.

Sebbene utilizzati principalmente per il trattamento della malattia di Alzheimer, questi farmaci potrebbero anche essere prescritti per altre demenze, tra cui la demenza vascolare, la demenza da morbo di Parkinson e la demenza da corpi di Lewy.

Gli effetti collaterali possono includere nausea, vomito e diarrea. Altri possibili effetti collaterali includono rallentamento della frequenza cardiaca, svenimenti e disturbi del sonno.

Dettaglio Autore
Medico Neurologo

Il Dott. Luciano Bet Neurologo Milano è un Medico Chirurgo specializzato in Neurologia. Effettua visite specialistiche presso il Centro Medico Unisalus. È iscritto all’albo dei Medici di Milano al numero 25265.

×
Medico Neurologo

Il Dott. Luciano Bet Neurologo Milano è un Medico Chirurgo specializzato in Neurologia. Effettua visite specialistiche presso il Centro Medico Unisalus. È iscritto all’albo dei Medici di Milano al numero 25265.

Questa lettura è stata utile? Condividila!
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Iscriviti alla Newsletter

Tieniti informato su prevenzione, analisi e cura. Ricevi tutti gli aggiornamenti di Centro Medico Unisalus via mail.

Torna su