Curare il Diabete | Si può?

Icona
Indice dei contenuti
Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su email

Tutti si chiedono se sia possibile curare il diabete. Il diabete è una patologia cronica recidivante. Ad oggi, non è possibile curarlo definitivamente. Dove per cura si intende eliminare definitivamente la malattia.

Questo non vuol dire che curare il diabete sia un argomento senza speranze. Ma che i trattamenti e i consigli del medico devono avere uno scopo ben preciso.

Quello di tenere ogni giorno sotto controllo i sintomi del diabete, per vivere una qualità della vita alta. Nonostante la patologia.

Linee guida terapia diabete

Curare il diabete si può? Abbiamo visto che effettivamente si possono tenere a bada i sintomi.

Prima di dirvi come approcciarsi e quali sono le terapie indicate per curare il diabete, o meglio, trattarlo, eccovi alcune linee guida da seguire. Sono consigli importanti, che servono per tenere sotto controllo il diabete in modo naturale.

Una parte importante della gestione del diabete, nonché della salute generale, è il mantenimento di un peso sano attraverso una dieta sana e un piano di esercizi.

Dieta per il Diabete

I pazienti affetti da Diabete Mellito di tipo 1 al momento della diagnosi sono spesso sottopeso, per cui la dieta deve fornire calorie sufficienti per ripristinare la massa muscolare e le riserve di grassi e deve assicurare il mantenimento del peso. I pazienti affetti da Diabete di tipo 2, al contrario, solitamente sono sovrappeso o obesi. In questo caso è importante modificare lo stile di vita e avere una perdita di peso graduale impostando uno schema dietetico ipocalorico associato all’attività fisica. In entrambi i casi è importante basare l’alimentazione sulla dieta mediterranea,  con un introito di carboidrati pari al 50-55% delle kcal totali privilegiando prodotti integrali. 

Cosa mangiare e cosa evitare

Nel paziente diabetico non è necessario ridurre la quota di carboidrati complessi, intesi come pasta, riso, patate, cereali in chicco, ma sarebbe utile moderare la quantità e, piuttosto che star attenti all’indice glicemico, sarebbe opportuno far attenzione al carico glicemico (calcolato moltiplicando l’indice glicemico dell’alimento per il quantitativo di carboidrati dell’alimento). Una particolare attenzione, invece, dovrebbe essere posta per gli zuccheri semplici, che dovrebbero essere ridotti.

La quota lipidica non dovrebbe superare il 25-30% della kcal totali, preferire grassi di origine vegetali come olio di oliva rispetto a quelli animali, riducendo il consumo di grassi trans che derivano da prodotti industriali confezionati. Assicurarsi la quota di omega 3 (grassi polinsaturi), consumando pesce azzurro almeno 2-3 volte a settimana e consumare, anche giornalmente, una piccola manciata di noci o semi di chia tritati. L’apporto proteico è di 0.8-1 g/kg e rappresenta il 12-15% , a meno che non ci siano indicazioni particolari come patologia renale. È fondamentale avere un buon apporto di fibra, consumando almeno 2 porzioni di verdura al dì e 3 porzioni di frutta, preferire alimenti integrali e incrementare il consumo di legumi come fonte proteica.

Moderare l’assunzione di alcool (1 bicchiere nella donna e 1 e mezzo nell’uomo) che dovrebbe avvenire, specialmente per i pazienti affetti da diabete di tipo 1, nel contesto del pasto in cui siano presenti carboidrati, per evitare ipoglicemie. Non esistono evidenze per raccomandare l’uso di alimenti dietetici in diabetici, con diciture come “zero grassi” o “senza zuccheri”, ma piuttosto fare attenzione alle quantità e controllare le etichette e vedere la qualità e la quantità degli zuccheri.

Attività Fisica

Sono inoltre consigliati almeno 150 minuti a settimana di attività fisica aerobica ad intensità moderata e/o 90 minuti a settimana di esercizio fisico intenso.L’attività fisica deve essere distribuita in almeno 3 giorni la settimana e non ci devono essere più di due giorni consecutivi senza attività. Infine, nei pazienti diabetici in assenza di carenze nutrizionali documentate non è necessario l’uso di integratori.

Terapia Diabete | Che fare?

Iniziamo col dire che curare il diabete nel vero senso del termine non è possibile. Possiamo però tenere a bada i sintomi per avere una qualità della vita migliore.

Il trattamento per il diabete di tipo 1 comporta iniezioni di insulina o l’uso di una pompa per insulina, frequenti controlli della glicemia e conteggio dei carboidrati. Il trattamento del diabete di tipo 2 comporta principalmente cambiamenti nello stile di vita, monitoraggio della glicemia, insieme a farmaci per il diabete, insulina o entrambi.

Monitorare il livello di zucchero nel sangue. A seconda del piano di trattamento, è possibile controllare e registrare la glicemia fino a quattro volte al giorno o più spesso se si sta assumendo insulina. Un attento monitoraggio è l’unico modo per assicurarsi che il livello di zucchero nel sangue rimanga entro l’intervallo obiettivo. Le persone con diabete di tipo 2 che non assumono insulina generalmente controllano lo zucchero nel sangue molto meno frequentemente.

Monitoraggio zuccheri nel sangue

Le persone che ricevono la terapia insulinica possono anche scegliere di monitorare i livelli di zucchero nel sangue.

Come? Con un monitor continuo della glicemia. Sebbene questa tecnologia non abbia ancora completamente sostituito il glucometro, può ridurre significativamente il numero di dita necessarie per controllare lo zucchero nel sangue e fornire informazioni importanti sull’andamento dei livelli di zucchero nel sangue.

Anche con un’attenta gestione, i livelli di zucchero nel sangue a volte possono cambiare in modo imprevedibile. Con l’aiuto del tuo team di trattamento del diabete, imparerai come il livello di zucchero nel sangue cambia in risposta ad alcuni fattori. Quali ad esempio cibo, attività fisica, farmaci, malattie, alcol, stress. Addirittura per le donne, fluttuazioni dei livelli ormonali.

Oltre al monitoraggio giornaliero della glicemia, il medico probabilmente consiglierà regolari test A1C per misurare il livello medio di glicemia negli ultimi due o tre mesi.

Rispetto ai ripetuti test giornalieri di zucchero nel sangue, i test A1C indicano meglio il funzionamento complessivo del piano di trattamento del diabete. Un livello elevato di A1C può segnalare la necessità di un cambiamento nel trattamento orale, nel regime di insulina o nel piano alimentare.

Insulina

Le persone con diabete di tipo 1 hanno bisogno della terapia insulinica per sopravvivere. Molte persone con diabete di tipo 2 o diabete gestazionale necessitano anche di terapia insulinica.

Sono disponibili molti tipi di insulina, tra cui insulina ad azione rapida, insulina ad azione prolungata e opzioni intermedie. A seconda delle esigenze, il medico può prescrivere una miscela di tipi di insulina da utilizzare durante il giorno e la notte.

L’insulina non può essere assunta per via orale per ridurre la glicemia poiché gli enzimi dello stomaco interferiscono con l’azione dell’insulina. Spesso l’insulina viene iniettata usando un ago sottile e una siringa o una penna per insulina – un dispositivo che assomiglia a una grande penna a inchiostro.

Pompa per insulina | Somministrazione

Una pompa per insulina può anche essere un’opzione per curare il diabete, o meglio come detto finora, per tenerne a bada la sintomatologia. La pompa è un dispositivo delle dimensioni di un cellulare indossato all’esterno del corpo. Un tubo collega il serbatoio di insulina a un catetere inserito sotto la pelle dell’addome.

È ora disponibile anche una pompa tubeless che funziona in modalità wireless. Si programma una pompa per insulina per erogare quantità specifiche di insulina. Può essere regolato per fornire più o meno insulina a seconda dei pasti, del livello di attività e del livello di zucchero nel sangue.

Insulina a circuito chiuso

Un approccio terapeutico emergente, non ancora disponibile, è il rilascio di insulina a circuito chiuso, noto anche come pancreas artificiale. Collega un monitor continuo del glucosio a una pompa per insulina e fornisce automaticamente la quantità corretta di insulina quando necessario.

Esistono diverse versioni del pancreas artificiale e studi clinici hanno avuto risultati incoraggianti. Sono necessarie ulteriori ricerche prima che un pancreas artificiale completamente funzionale riceva l’approvazione normativa.

Tuttavia, sono stati compiuti progressi verso un pancreas artificiale. Nel 2016, la Food and Drug Administration ha approvato un microinfusore per insulina combinato con un monitor continuo del glucosio e un algoritmo informatico. Tuttavia, l’utente deve ancora dire alla macchina quanti carboidrati verranno consumati.

Farmaci orali o di altro tipo

A volte vengono prescritti anche altri farmaci per via orale o iniettata. Alcuni farmaci per il diabete stimolano il pancreas a produrre e rilasciare più insulina. Altri inibiscono la produzione e il rilascio di glucosio dal fegato, il che significa che hai bisogno di meno insulina per trasportare lo zucchero nelle cellule.

Altri ancora bloccano l’azione degli enzimi dello stomaco o dell’intestino che degradano i carboidrati o rendono i tessuti più sensibili all’insulina. La metformina (Glucophage, Glumetza, altri) è generalmente il primo farmaco prescritto per il diabete di tipo 2.

Trapianto

Per curare il diabete, in alcune persone che hanno il diabete di tipo 1, un trapianto di pancreas può essere un’opzione. Anche i trapianti sono in fase di studio. Con un trapianto di pancreas di successo, non sarebbe più necessaria la terapia insulinica. Ma i trapianti non hanno sempre successo e queste procedure comportano gravi rischi.

Chirurgia bariatrica

Sebbene non sia specificamente considerato un trattamento per il diabete di tipo 2, le persone che ne soffrono, che sono obese e hanno un indice di massa corporea superiore a 35, possono beneficiare di questo tipo di intervento chirurgico. Coloro che hanno subito un bypass gastrico hanno visto miglioramenti significativi nei loro livelli di zucchero nel sangue. Tuttavia, i rischi e i benefici a lungo termine di questa procedura per curare il diabete di tipo 2 non sono ancora noti.

Trattamento per il diabete gestazionale

Controllare il livello di zucchero nel sangue è essenziale per mantenere sano il bambino ed evitare complicazioni durante il parto. Oltre a mantenere una dieta sana ed esercizi fisici, il piano di trattamento può includere il monitoraggio della glicemia e, in alcuni casi, l’uso di insulina o farmaci per via orale.

Il medico monitorerà anche il livello di zucchero nel sangue durante il travaglio. Se il livello di zucchero nel sangue aumenta, il bambino può rilasciare alti livelli di insulina, il che può portare a bassi livelli di zucchero nel sangue subito dopo la nascita. Quindi anche curare il diabete gestazionale è un’operazione da non trascurare.

Trattamento per il prediabete

Se si ha un prediabete, le scelte di stile di vita sano possono aiutare a riportare il livello di zucchero nel sangue alla normalità o almeno a impedirgli di salire verso i livelli osservati nel diabete di tipo 2. Mantenere un peso sano attraverso l’esercizio fisico e un’alimentazione sana può aiutare. Esercitarsi almeno 3 ore a settimana e perdere circa il 7% del peso corporeo può prevenire o ritardare il diabete di tipo 2.

A volte i farmaci, come la metformina, sono un’opzione, se sei ad alto rischio di diabete. Anche quando il tuo prediabete sta peggiorando o se hai malattie cardiovascolari, malattie del fegato grasso o sindrome dell’ovaio policistico.

In altri casi, sono necessari farmaci per il controllo del colesterolo, statine in particolare, e farmaci per la pressione alta. Il medico potrebbe prescrivere una terapia con aspirina a basso dosaggio per aiutare a prevenire le malattie cardiovascolari se si è ad alto rischio. Tuttavia, le scelte di stile di vita sano rimangono fondamentali.

Segni di problemi in qualsiasi tipo di diabete

Poiché così tanti fattori possono influenzare la glicemia, a volte possono insorgere problemi che richiedono cure immediate. Come ad esempio questi.

Iperglicemia. Glicemia Alta

Il livello di zucchero nel sangue può aumentare per molte ragioni, tra cui mangiare troppo, essere malato o non assumere abbastanza farmaci per ridurre il glucosio.

Controlla il livello di zucchero nel sangue come indicato dal medico e osserva segni e sintomi di iperglicemia. Minzione frequente, aumento della sete, secchezza delle fauci, visione offuscata, affaticamento e nausea.

Se si ha l’iperglicemia, quindi un alto livello di glicemia, si dovrà modificare il programma alimentare, i farmaci o entrambi.

Chetoni aumentati nelle urine (chetoacidosi diabetica)

Se le cellule sono affamate di energia, il corpo potrebbe iniziare a rompere il grasso. Questo produce acidi tossici noti come chetoni. Bisogna verificare la perdita di appetito, debolezza, vomito, febbre, mal di stomaco e un respiro dolce e fruttato.

Sindrome non chetotica iperosmolare iperglicemica

Segni e sintomi di questa condizione pericolosa per la vita includono una lettura di zucchero nel sangue superiore a 600 mg / dL (33,3 mmol / L), secchezza delle fauci, sete estrema, febbre, sonnolenza, confusione, perdita della vista e allucinazioni. La sindrome iperosmolare è causata da glicemia alta che rende il sangue denso e sciropposo.

È visto nelle persone con diabete di tipo 2 ed è spesso preceduto da una malattia. Chiama il tuo medico o cerca assistenza medica immediata se hai segni o sintomi di questa condizione.

Ipoglicemia. Basso livello di zucchero nel sangue

Se il livello di zucchero nel sangue scende al di sotto dell’intervallo target, è noto come basso livello di zucchero nel sangue (ipoglicemia). Se stai assumendo farmaci che riducono il livello di zucchero nel sangue, inclusa l’insulina, il livello di zucchero nel sangue può diminuire per molte ragioni, tra cui saltare un pasto e ottenere più attività fisica del normale. Lo zucchero nel sangue basso si verifica anche se si assume troppa insulina o un eccesso di un farmaco per ridurre il glucosio che promuove la secrezione di insulina da parte del pancreas.

Controlla regolarmente il livello di zucchero nel sangue e osserva segni e sintomi di ipoglicemia. Ad esempio sudorazione, tremore, debolezza, fame, vertigini, mal di testa. Ma anche visione offuscata, palpitazioni cardiache, irritabilità, linguaggio confuso. Oppure ancora sonnolenza, confusione, svenimenti e convulsioni. La glicemia bassa viene trattata con carboidrati a rapido assorbimento. Ad esempio come succo di frutta o compresse di glucosio.

Ricordatevi, sempre che si può avere una qualità di vita elevata anche col Diabete. Ma alla domanda: curare il diabete si può? La risposta è che sicuramente possiamo tenere a bada tutti i sintomi. Avendo così una qualità della vita piuttosto alta. Tuttavia attualmente non conosciamo ancora la cura definitiva per il diabete.

  • Ultimi Articoli
Dettagli Autore
Centro Medico a Milano

Il Centro Medico Unisalus a Milano è un Poliambulatorio Specialistico Privato. Si trova vicino alla Stazione Centrale di Milano a pochi passi dal “Pirellone”. 

×
Centro Medico a Milano

Il Centro Medico Unisalus a Milano è un Poliambulatorio Specialistico Privato. Si trova vicino alla Stazione Centrale di Milano a pochi passi dal “Pirellone”. 

Questa lettura è stata utile? Condividila!
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su email
Email
Iscriviti alla Newsletter

Tieniti informato su prevenzione, analisi e cura. Ricevi tutti gli aggiornamenti di Centro Medico Unisalus via mail.

Torna su