B-test

Indice dei contenuti

Che cos’è il B-test screening del primo trimestre? Lo screening del primo trimestre è un test prenatale che offre informazioni precoci sul rischio di un bambino di determinate condizioni cromosomiche. In particolare la sindrome di Down, la cosiddetta trisomia 21 e le sequenze extra del cromosoma 18 o trisomia 18. Il B-Test, chiamato anche Test combinato del primo trimestre, prevede 2 passaggi:

  • Un esame del sangue: per misurare i livelli di 2 sostanze specifiche della gravidanza nel sangue della madre. Cioè la proteina A plasmatica associata alla gravidanza e la gonadotropina corionica umana.
  • Esame ecografico: per misurare la dimensione dello spazio libero nel tessuto nella parte posteriore del collo del bambino. La cosiddetta translucenza nucale.

B test quando farlo

In genere, lo screening del primo trimestre viene eseguito tra l’undicesima e la quattordicesima settimana della gravidanza. Utilizzando l’età ed i risultati dell’analisi del sangue e dell’esame ecografico, il medico può valutare il rischio di partorire un bambino con sindrome di Down o trisomia 18. Se i risultati mostrano che il livello di rischio è moderato o elevato, è possibile decidere di far seguire lo screening del primo trimestre con un altro test più definitivo (DNA fetale e Amniocentesi).

B-test risultati

Lo screening del primo trimestre viene effettuato per valutare il rischio di portare un bambino con sindrome di Down. Il test fornisce anche informazioni sul rischio di trisomia 18. I risultati del b-test sono dati come positivi o negativi e anche come probabilità, come un rischio 1 su 250 di portare un bambino con sindrome di Down. La sindrome di Down provoca danni permanenti allo sviluppo mentale e sociale, nonché varie preoccupazioni fisiche.

La trisomia 18 provoca ritardi più gravi ed è spesso fatale all’età di 1 anno. Lo screening del primo trimestre non valuta il rischio di difetti del tubo neurale, come la spina bifida. Poiché lo screening del primo trimestre può essere eseguito prima della maggior parte degli altri test di screening prenatali, avrai i risultati all’inizio della gravidanza. Questo ti darà più tempo per prendere decisioni su ulteriori test diagnostici, il corso della gravidanza, le cure mediche e la gestione durante e dopo il parto.

Il bitest del primo trimestre è facoltativo. Ricordiamo che i risultati del test indicano solo se hai un rischio maggiore di trasportare un bambino con sindrome di Down o trisomia 18, non se il tuo bambino ha effettivamente una di queste condizioni.

Di fatto il b test identifica correttamente circa l’85% delle donne che portano un bambino con sindrome di Down. Circa il 5% delle donne ha un risultato falso positivo, il che significa che il risultato del test è positivo ma il bambino non ha effettivamente la sindrome di Down. Lo screening del primo trimestre è un test di screening prenatale di routine. Il bitest o b-test non presenta alcun rischio di aborto spontaneo o altre complicazioni della gravidanza.

Bitest come si svolge

Non è necessario fare nulla di speciale per prepararsi allo screening del primo trimestre. Si può mangiare e bere normalmente prima dell’esame del sangue e dell’esame ecografico. Lo screening del primo trimestre comprende un prelievo di sangue e un esame ecografico.

Durante l’esame del sangue, un membro del team sanitario ne preleva un campione inserendo un ago in una vena del braccio. Il campione viene inviato a un laboratorio per l’analisi. Per l’esame ecografico, la futura mamma verrà sdraiata sulla schiena su un lettino da visita. Il medico o un tecnico radiografo posizionerà un trasduttore, un piccolo dispositivo di plastica che invia e riceve onde sonore, sull’addome.

Le onde sonore riflesse verranno convertite digitalmente in immagini su un monitor. Il medico o il tecnico utilizzerà queste immagini per misurare la dimensione dello spazio libero nei tessuti nella parte posteriore del collo del bambino. L’ecografia non fa male e puoi tornare immediatamente alle solite attività. Il medico utilizzerà l’età e i risultati dell’esame del sangue e dell’esame ecografico per valutare il rischio di portare un bambino con sindrome di Down o trisomia 18. Anche altri fattori, come una precedente gravidanza con sindrome di Down, potrebbero influenzare il rischio.

Come leggere risultati b-test

Come leggere i risultati del bitest? Quando si considerano i risultati del test, ricordare che lo screening del primo trimestre indica solo il rischio complessivo di portare un bambino con sindrome di Down o trisomia 18. Un risultato del b-test a basso rischio non garantisce che il bambino non abbia una di queste condizioni. Allo stesso modo, un risultato ad alto rischio non garantisce che il bambino nascerà con una di queste condizioni. Se il risultato è positivo, il medico curante e un professionista della genetica discuteranno delle opzioni disponibili, inclusi test aggiuntivi. Per esempio:

  • Screening del DNA prenatale. Questo è un esame del sangue sofisticato che esamina il DNA fetale nel flusso sanguigno materno per determinare se il bambino è a rischio di sindrome di Down, trisomia 13 o trisomia 18. Alcune forme di screening del DNA controllano anche altri problemi cromosomici e forniscono informazioni sul sesso fetale. Un risultato normale potrebbe eliminare la necessità di un test diagnostico prenatale più invasivo.
  • Campionamento dei villi coriali. Può essere utilizzato per diagnosticare condizioni cromosomiche, come la sindrome di Down. Durante questo esame, che di solito viene eseguito durante il primo trimestre, un campione di tessuto dalla placenta viene rimosso per il test. L’esame presenta un piccolo rischio di aborto spontaneo.
  • Amniocentesi. L’amniocentesi può essere utilizzata per diagnosticare sia le condizioni cromosomiche, come la sindrome di Down, sia i difetti del tubo neurale, come la spina bifida. Durante l’amniocentesi, che di solito viene eseguita durante il secondo trimestre, un campione di liquido amniotico viene rimosso dall’utero per il test. Come il campionamento dei villi coriali, l’amniocentesi presenta un piccolo rischio di aborto spontaneo.

Bitest | Per concludere

Il medico o un consulente genetico aiuteranno la futura mamma a capire i risultati dei test e cosa significano per la gravidanza. Se volete saperne di più sul b-test contattateci al nostro numero di telefono o via mail utilizzando il nostro form contatti. Lo staff del Centro Medico Unisalus Milano

  • Ultimi Articoli
Dettagli Autore
Centro Medico a Milano

Il Centro Medico Unisalus a Milano è un Poliambulatorio Specialistico Privato. Si trova vicino alla Stazione Centrale di Milano a pochi passi dal “Pirellone”. 

×
Centro Medico a Milano

Il Centro Medico Unisalus a Milano è un Poliambulatorio Specialistico Privato. Si trova vicino alla Stazione Centrale di Milano a pochi passi dal “Pirellone”. 

Questa lettura è stata utile? Condividila!
WhatsApp
Facebook
Twitter
LinkedIn
Email
Iscriviti alla Newsletter

Tieniti informato su prevenzione, analisi e cura. Ricevi tutti gli aggiornamenti di Centro Medico Unisalus via mail.

Torna su